Vastedda ripiena di mollame di maiale

Autore:

Categoria:


Focaccia

La vastedda è una pagnotta tipica siciliana di forma tondeggiante, molto usata a Palermo per la preparazione del famosissimo “pani ca meusa”, ma molto tipica del giorno dei morti, condita con olio extra vergine d’oliva, sale, pepe, filetti d’acciughe e formaggio o condita con ricotta di pecora, caciocavallo e pepe.
In tutti i panifici di Palermo e provincia, nel giorno dei morti troviamo vastedde calde. 

La tradizione nasce dall’usanza che nel giorno dei morti, un tempo quando non c’erano le macchine che accorciavano i tempi di trasporto e si usavano i carretti,  la gente si recava ai cimiteri dai propri cari e siccome la strada poteva essere anche lunga si fermavano  lì a mangiare, un cibo semplice e facilmente trasportabile, le vastedde, preparate al mattino dalle mamme o dai panifici vicini.
Ricetta altofontina per il giorno di Ognissanti e defunti, testimoniata fino agli anni ’70 è invece la “Vastedda ripiena di mollame di maiale”

Ricetta di nonna Fortunata

Ingredienti per la pasta

kg 1 di farina di semola di grano duro
gr 50 di lievito di birra ( oppure gr 150 di lievito madre)
sale ed acqua q. b.

per il ripieno

gr 600 di mollame di maiale tritata
finocchietto selvatico
olio ed un po’ di vino

Preparazione:

impastare la farina di semola con acqua, lievito ed alla fine un pizzico di sale finchè non si ottiene un impasto molto morbido ed elastico. Modellare una pagnotta da mettere in una ciotola; sulla superficie al centro farvi un segno di croce col coltello e lasciare lievitare coprendo la ciotola. Quando si vedrà che la croce è chiusa si sarà sicuri che l’impasto è ben lievitato.
Durante la lievitazione si prepara il ripieno: in una padella grande si fa rosolare la mollame di maiale con olio e finocchietto selvatico finchè non dora, quindi aggiungere un po’ di vino da far evaporare e spegnere.
Prendere l’impasto ora ben lievitato, tagliarlo a panetti di circa 100 gr. Spianare i panetti e riempirli col ripieno di mollame, chiuderli con la stessa pasta, dando una forma rotonda e lasciare lievitare per ancora mezz’ora.
Infornare a 180° finchè non dorano per circa 20° controllando lateralmente con uno stecchino la cottura.
Servire ben calde.

a cura di Carmela Briscuso

Le origini della Focaccia

 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Le gelsominaie di Milazzo. Storia di uno sciopero al femminile.

Una storia siciliana che in pochi conoscono, è quella delle gelsominaie di Milazzo, un gruppo di donne lavoratrici che iniziarono una rivolta per ottenere...

Il gelato… che passione! La storia, la tradizione, la ricetta

Il piacere di gustare qualcosa che potesse portare sollievo nella calura estiva, sembra che risalga a tempi antichissimi, anche se all'inizio era solo la...

Pasta con pesto di pistacchio di Bronte speck e noci

Il pistacchio (dal greco Pistàkion) è una pianta Mediterranea, coltivata per i semi. In siciliano viene anche chiamato "frastuca e frastucara" che stanno ad indicare...

Villino Favaloro

Villino Favaloro è stato progettato e realizzato dall'architetto G.B. Filippo Basile. Il delizioso edificio è considerato il  testamento artistico del grande architetto, personalità artistica...

La chiesa di Sant’Orsola dei Negri e la Compagnia dell’orazione della morte

Tantissime volte sono passato dalla via Maqueda e mai avevo notato la facciata della Chiesa di Sant’Orsola dei Negri, proprio accanto al più famoso...

Discesa dei Maccheronai

La discesa dei Maccheronai, oggi via, va da piazza San Domenico a piazza Caracciolo, alla Vucciria. I maccheronai erano gli artigiani che preparavano la pasta,...