Via Giovanni Evangelista Di Blasi

Autore:

Categoria:

Samuele Schirò firma 2

La via G. E. Di Blasi va da piazza Noce alle vie Roccazzo, Castellana e Casalini.

Il Di Blasi fu uno storico, studioso di teologia, epigrafia e storia ecclesiastica, nato a Palermo nel 1720 e morto nel 1812. Insieme al fratello Salvatore, fu introdotto sin da piccolo alla vita ecclesiastica ed entrò a far parte dell’ordine dei Benedettini. Studiò a lungo in giro per l’Italia, a Firenze, Roma, Napoli e Perugia, dove pubblicò le sue prime “Tesi Filosofiche”. Ritornato in Sicilia fu destinato al convento di San Martino delle Scale, di cui divenne presto abate. In breve tempo si fece conoscere anche a Palermo, dove l’arcivescovo Filangeri lo nominò “Lettore” di teologia del seminario e il re Ferdinando III, nel 1777, gli diede il titolo di Regio Storiografo. Grazie a questo titolo iniziò a scrivere una lunga serie di opere che raccontano gli episodi storici legati al regno dei Borbone, comprese le successioni dei viceré e dei presidenti del Regno.
Fu zio di uno dei più grandi oppositori del governo borbonico, il giurista e patriota Francesco Paolo Di Blasi.
Si impegnò in prima persona e con tenacia per la difesa dell’abate Giuseppe Vella, accusato (giustamente) di aver falsificato dei presunti documenti di epoca araba, nella questione passata alla storia come “L’arabica impostura”.

[mappress mapid=”380″]

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,815FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Borghi dei Tesori. Nasce il network di 42 piccoli comuni siciliani sotto l’egida delle Vie dei Tesori

PALERMO. Dai siti archeologici alle fortezze saracene, dalle miniere abbandonate alle concerie fantasma, dai castelli aggrappati al cielo agli acquedotti seminterrati, dagli ipogei ai...

Ma quanto è buono il pane a Palermo!?

Il pane è buono dappertutto, e in ogni luogo ha la sua forma, il suo sapore, la sua tradizione. Come non ricordare il famoso...

Un anno di Covid

Esattamente un anno fa, il 25 febbraio 2020, abbiamo avuto in Sicilia il primo caso di coronavirus, una turista bergamasca in visita a...

Le Catacombe dei Cappuccini

Chi visita il cimitero sotterraneo dei Cappuccini si appresta a compiere un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, certo, ma soprattutto in...

Pasta al ragù siciliano

Quando ero bambina uno degli odori che mi svegliava nelle fredde domeniche d’inverno era quello del “ragù siciliano”. Mamma si alzava alle sei del mattino...

La Sicilia torna in zona gialla

Da lunedì mattina la Sicilia sarà zona gialla. Nessuna deroga per domenica di San Valentino come chiedeva il governatore Musumeci. Il cambiamento rispetto alla...