Via Francesco Paolo Di Blasi

Autore:

Categoria:

Samu-miniatura_1-640x90

Francesco_Paolo_Di_Blasi

La via Di Blasi va dalla via Libertà alla via Piemonte e alla piazza Unità d’Italia.

Francesco paolo Di Blasi fu un giureconsulto, scrittore, politico e patriota nato a Palermo nel 1755.
Figlio di un letterato e nipote di due noti abati benedettini, Francesco Paolo fu un cultore di studi storici e giuridici. Fu giudice della Gran Corte Pretoriana e fu candidato alla carica di giudice del Concistoro.
Conquistato dalle idee repubblicane diffuse dalla Rivoluzione Francese, organizzò un complotto volto a rovesciare la monarchia siciliana. Insieme ad altri congiurati progettò di impadronirsi del presidente del Regno, l’arcivescovo Filippo Lopez y Royo, nel giorno di venerdì santo del 1795.
Il suo piano, tuttavia, venne sventato quattro giorni prima della sua attuazione a causa del tradimento di un congiurato. Francesco Paolo Di Blasi venne arrestato, condannato e decapitato il 20 maggio 1795 nel piano di S. Teresa (oggi Piazza Indipendenza). Qui è ricordato da una lapide commemorativa posta sul muro della caserma Garibaldi, all’angolo con corso Calatafimi.

Lasciò numerose opere di natura giuridica, tra cui “Sulla legislazione della Sicilia”, “Sopra la egualità e la diseguaglianza degli uomini in riguardo alla loro felicità” e una raccolta dal titolo “Prammatiche del Regno di Sicilia”. Ovviamente tutte opere dai forti contenuti rivoluzionari.

[mappress mapid=”264″]

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,815FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Maria Angela Pileri
Maria Angela Pileri
Architetto e insegnante di tecnologie unisce l'amore per l'arte al rigore per la documentazione scientifica

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Borghi dei Tesori. Nasce il network di 42 piccoli comuni siciliani sotto l’egida delle Vie dei Tesori

PALERMO. Dai siti archeologici alle fortezze saracene, dalle miniere abbandonate alle concerie fantasma, dai castelli aggrappati al cielo agli acquedotti seminterrati, dagli ipogei ai...

Ma quanto è buono il pane a Palermo!?

Il pane è buono dappertutto, e in ogni luogo ha la sua forma, il suo sapore, la sua tradizione. Come non ricordare il famoso...

Un anno di Covid

Esattamente un anno fa, il 25 febbraio 2020, abbiamo avuto in Sicilia il primo caso di coronavirus, una turista bergamasca in visita a...

Le Catacombe dei Cappuccini

Chi visita il cimitero sotterraneo dei Cappuccini si appresta a compiere un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, certo, ma soprattutto in...

Pasta al ragù siciliano

Quando ero bambina uno degli odori che mi svegliava nelle fredde domeniche d’inverno era quello del “ragù siciliano”. Mamma si alzava alle sei del mattino...

La Sicilia torna in zona gialla

Da lunedì mattina la Sicilia sarà zona gialla. Nessuna deroga per domenica di San Valentino come chiedeva il governatore Musumeci. Il cambiamento rispetto alla...