Corso Tüköry: perché una via di Palermo è dedicata ad un soldato ungherese?

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,488FansLike
1,087FollowersSegui
633FollowersSegui

Il corso Tüköry è una delle principali arterie della città di Palermo che collega Piazza Sant’Antonino alla via Re Ruggero, nei pressi della Porta Mazzara, vicino all’Ospedale dei Bambini. Lungo il decorso, in questa via si aprono il famoso mercato di Ballarò e la Porta sant’Agata giacché un tempo era il limite meridionale dell’antica città di Palermo.

Chi era Lajos Tüköry e perché gli è stata dedicata una via

La via di Palermo prende il nome dal patriota e ufficiale ungherese Lajos Tüköry de Algyes. Nacque a Körösladány il 9 settembre 1830 in un clima di disordini e moti rivoluzionari che avevano come obiettivo di sostituire le vecchie strutture monarchiche con la creazione di stati indipendenti: moti che sarebbero stati in seguito ricordati come “La Primavera dei popoli“.

Appena diciottenne, col grado di tenente, Tüköry partecipò alla Rivoluzione ungherese del 1848-49 contro il potere asburgico. Fallito il sogno di indipendenza della nuova Ungheria, il giovane soldato continuò la sua personale guerra a favore della indipendenza dei popoli.

Partecipò a numerose azioni militari, prima in Turchia combattendo al servizio del sultano contro i Drusi del Libano (1850), nella guerra di Crimea e infine in Italia nel 1859 nel gruppo della Legione Ungherese tra i “Cacciatori delle Alpi” durante il conflitto dell’Italia contro l’Austria.

Il 5 maggio 1860 si arruolò con il titolo di maggiore nell’esercito di Garibaldi in partenza da Quarto insieme ai mille per la spedizione in Sicilia.
Combatté a Calatafimi contro le truppe borboniche ed il 27 maggio condusse l’attacco a Palermo nei pressi del Ponte Ammiraglio. Ma giunto a Porta di Termini, Tüköry fu colpito ad un ginocchio e trasportato in via del Bosco, a casa dei Tommaso Oneto, principe di San Lorenzo la cui abitazione era diventata una specie di ospedale militare. Il ginocchio ferito si infettò e nonostante l’amputazione della gamba la cancrena si sviluppò ugualmente e pochi giorni dopo lo condusse alla morte: era il 6 giugno 1860 quando Lajos Tüköry aveva appena 30 anni.
Si dice che fu lo stesso Giuseppe Garibaldi a pronunciare il suo elogio funebre.

Corso Tüköry: il busto in Piazza Marina
Il busto di Lajos Tüköry a villa Garibaldi in piazza Marina

La sua salma fu inizialmente seppellita nella chiesa di Sant’Antonino, poi nel chiostro di San Domenico, fino a quando, nel 1933, fu seppellito definitivamente nel Pantheon di San Domenico, dove gli è stato dedicato un monumento ad opera dell’architetto Antonio Zanca.

La storia di questo patriota ungherese che è morto combattendo a Palermo, ha reso questo personaggio molto apprezzato soprattutto tra i cittadini dell’epoca. Per questo gli è stata dedicata una via di Palermo, ma è anche commemorato con una lapide posta nel palazzo del principe di San Lorenzo in cui morì ed una che si trova fuori dalla caserma Tüköry a lui dedicata in Corso Calatafimi, inoltre, un monumento in bronzo è stato eretto in suo onore a Piazza Marina.

Fonti

 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Pasta con le Sarde a Mare

La Pasta con le Sarde a Mare è un primo piatto della tradizione siciliana, un piatto povero, contadino, che somiglia per aspetto  alla famosa "Pasta...

La chiesa del SS. Crocifisso, distrutta… per sbaglio

Nel cuore dell’Albergheria, quartiere storico di Palermo, si trovano i ruderi dell’antica chiesa del SS. Crocifisso, un antico edificio le cui origini risalgono probabilmente...

Villa d’Orleans, un gioiello verde nel cuore di Palermo

Tra i tanti luoghi iconici che caratterizzano Palermo, uno dei più belli e per certi versi più amati, è lo splendido Parco d’Orleans, comunemente...

Sformato di melanzane alla palermitana: un classico da leccarsi i baffi

Lo sformato di melanzane alla palermitana è un piatto tipico della tradizione siciliana, un secondo piatto ricco e saporito che vanta una storia antica...

Palazzo Alliata di Pietratagliata

Il Palazzo Alliata di Pietratagliata è una delle dimore storiche più eleganti di Palermo, sito al numero 14 di via Bandiera. Nel 1473 il magnificus...

Quando in Sicilia si avvistarono le donne volanti

In Sicilia esiste un’isola mistica e sperduta, un suggestivo scoglio vulcanico senza strade e quasi del tutto selvaggio in cui abitano appena un centinaio...