La piazza Marina si trova alla fine di corso Vittorio Emanuele (l’antico Cassaro), nel lato di Palermo che si affaccia sul mare.

In tempi molto antichi, il luogo in cui sorge la piazza non esisteva, in quanto coperto dalle acque che si ritirarono definitivamente intorno al 1200, creando lo spazio per la realizzazione della piazza e dei meravigliosi palazzi che la circondano. Durante il medioevo la zona era chiamata inizialmente “Platea Maritima”, successivamente assunse il nome di “piano della Marina”, che fu utilizzato per diversi secoli.

In questo luogo venivano organizzati spettacoli pubblici di diverso genere, comprese le esecuzioni e le torture operate dal tribunale dell’inquisizione, che aveva sede nell’attiguo palazzo Chiaramonte-Steri. Al centro della piazza oggi sorge il bellissimo giardino pubblico, realizzato da Gian Battista Basile nel 1864-66, chiamato “villa Garibaldi”, che è adornato con lapidi e busti dedicati a personaggi risorgimentali e che ospita alcuni dei Ficus più grandi d’Europa.

Tra i palazzi nobiliari che circondano la piazza, oltre al già citato palazzo Steri, ricordiamo il palazzo degli Abatelli (o Abatellis, da non confondere con l’omonima galleria d’arte di via Alloro), l’antica Regia Zecca, il Palazzo S. Onofrio, il palazzo Notarbartolo di Villarosa, il bellissimo palazzo Galletti di S. Cataldo e il palazzo Ganci. Altri luoghi d’interesse nella piazza sono la fontana del Garraffo e la chiesa di S. Maria dei Miracoli. A due passi da piazza Marina, nell’attigua via Lungarini, troviamo il bellissimo palazzo Mirto, di cui abbiamo già parlato in precedenza.

Attorno a villa Garibaldi, soprattutto nei fine settimana, si possono trovare venditori di oggettistica antica ed usata, con articoli che difficilmente si possono trovare altrove.

Monumenti e Siti vicini alla Piazza

Palazzo Mirto
Palazzo Steri
Andrea Chiaramonte
La Cala
Foro Italico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.