Contestazione da parte degli assistenti all’autonomia e alla comunicazione del comune di Palermo

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

disabilitàUn diritto negato!
Sono oltre mille gli assistenti all’autonomia e alla comunicazione divisi in tre categorie (A-B-C) assunti dal Comune di Palermo per espletare il servizio di assistenza specialistica rivolta ad alunni disabili che non ricevono stipendio al termine dello stesso.
Un servizio necessario e indispensabile per l’inclusione e l’integrazione del mondo disabile all’interno del contesto scolastico e sociale, che vede l’azione educativa, formativa di professionisti del settore, che hanno espletato l’intero servizio con profonda vocazione, senza mai rinunciare, nonostante le clausole presenti nel contratto stilato dalle scuole, le quali recitavano di un compenso trimestrale, appunto “recitavano” perchè si è trattato di una finzione e di una falsa dicitura, in quanto questo ultimo non è mai avvenuto.
A scadenza del contratto (4 Giugno 2016) ancora nessuno stipendio, un gruppo di colleghi, arrabbiati per tale ingiustizia recatosi al Settore-Area della Scuola questa devolve la nostra condizione, allorché inverosimile, alla Ragioneria Generale del Comune di Palermo, la quale informa di un triste episodio, i soldi per gli assistenti all’autonomia e alla comunicazione sono scomparsi dalle casse comunali, essi sono solo virtuali!
Si chiede che il mistero venga svelato immediatamente, in quanto nessuno può e deve calpestare la dignità e il diritto di tantissimi professionisti!

Dott.ssa T. Seminara
(Operatore Specializzato)

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Come partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

Ancora due mesi per partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” Ci sono ancora due mesi di tempo per aderire alla decima...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

STORIA                   Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori casati...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...

Jack Churchill: L’ufficiale che sbarcò in Sicilia con arco e spada

Che qualcuno sia sbarcato in Sicilia armato di spada, arco lungo e frecce, non è certo una novità nella storia millenaria della nostra isola....