I tulipani che incantano la Sicilia

Non siamo in Olanda! Siamo in Sicilia, a Blufi ai piedi delle Madonie

Autore:

Categoria:

Terra che incanta la Sicilia, per il suo eccezionale clima, la sua preziosa arte, il suo delizioso cibo, la sua meravigliosa natura.
Se siamo in primavera e siamo in Sicilia consigliamo di fare una gita, di quelle che riempiono il cuore e rilassano la mente. Andiamo a Blufi, un paesino dell’entroterra, in provincia di Palermo, conosciuto, oltre che per il Santuario della Madonna dell’olio, meta continua di pellegrinaggi, per una straordinaria fioritura di tulipani.

Ogni anno, nel mese di Marzo e fino a Maggio, si ripete un evento incantevole e che affascina tutti, si tratta della fioritura spontanea di una miriade di tulipani rossi che spuntano bellissimi in un campo coltivato a grano e che in primavera si trasforma in un immenso tappeto di fiori, uno scenario meraviglioso intorno al quale spiccano i monti delle Madonie e sullo sfondo il Santuario della Madonna dell’olio di cui parleremo in un altro articolo.

Sembra proprio di essere in Olanda o di ammirare un quadro di Monet, un esplosione di colore, un campo rosso brillante, apprezzato dagli amanti della natura e della fotografia.

Si tratta di una varietà chiamata Tulipano Precoce o Tulipano di Raddi (dal nome del noto botanico fiorentino) resistente alle operazioni di aratura dei terreni, per via della posizione dei bulbi che si trovano in profondità.

La leggenda

Non mancano ovviamente le leggende riguardanti questo campo di tulipani, che danno il nomignolo a Blufi di “Piccola Olanda” o di “Olanda di Sicilia“.

Si narra che due giovani sposi che non riuscivano ad avere figli si rivolsero alla Madonna dell’olio per ottenere la grazia e dopo aver fatto le loro preghiere deposero alcuni tulipani bianchi sull’altare che, miracolosamente davanti all’effige della Madonna, diventano rossi. Le preghiere furono accolte e la sposa partorì due gemelli. Dopo quaranta giorni dalla nascita, i bambini vennero portati al Santuario della Madonna dell’olio, ma lo trovarono chiuso e poterono ringraziare la Madonna solo da dietro la porta. Nel voltarsi indietro si accorsero del vasto campo di tulipani rossi che c’era di fronte a loro, gli stessi che l’anno prima avevano visto sull’altare trasformarsi da bianchi in rosso vivo.

Il campo di tulipani rossi è visitabile liberamente tra marzo e maggio, è vietato raccoglierli, la Natura va rispettata ed ammirata.

Come arrivare a Blufi da Palermo: Autostrada direzione Catania, uscita Scillato e proseguire per Petralia Soprana. 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Biscotti reginelle o inciminati

Le reginelle sono tradizionali biscotti siciliani, conosciute anche come "biscotti inciminati" perchè interamente ricoperti da semi di sesamo, detto in siciliano "cimino"o "giuggiulena". Sono semplici...

Villa Sofia Whitaker

Villa Sofia Whitaker (meglio nota semplicemente come Villa Sofia), è molto conosciuta a Palermo per via dell'ospedale che vi fu impiantato nella seconda metà...

Perché chiamiamo i soldi picciuli?

Tra i tanti termini per definire i soldi, in lingua siciliana, probabilmente il più comune è picciuli. Da dove deriva questo termine apparentemente inconsueto? La...

Baccalà fritto e Baccalà chi passuli

Il baccalà è un tipo particolare di merluzzo che viene pescato nell’Atlantico Settentrionale ed è un pesce che raggiunge grosse dimensioni. In Sicilia arrivò nella...

Il mantello di Re Ruggero: da Palermo a Vienna

"Thiraz" è una parola che deriva dal persiano e in origine gli si attribuiva il significato di "ricamo". In seguito con questo nome furono...

VAMPASCIUSCIA con ragù e ricotta

Il nome "vampasciuscia" si riferisce a un tipo di pasta specifico, la margherita, che per il suo bordo ondulato un tempo veniva paragonato alle...