Il Brezi: ricchezza d’arte e tradizione.

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
619FollowersSegui

Il Brezi, è il principale ornamento del costume tradizionale di Piana degli Albanesi che è, a sua volta, un vero e proprio trionfo di ricami in oro zecchino, sete vermiglie, verdi e cerulei, e consiste in una cintura in argento formata da placche congiunte al centro da una borchia intagliata a mano e che raffigura soggetti religiosi, tradizionalmente si tratta di santi protettori di Piana in questo caso San Giorgio, ma ci sono anche Brezi raffiguranti San Demetrio, la Vergine Odigitria, San Vito, l’Immacolata Concezione, San Nicola.

Fondamentale l’etimologia della Parola: brez nella lingua albanese significa “generazione”, “stirpe”, “discendenza”, “progenie”, il Brezi, infatti viene indossato dalle donne di cultura albanese a simbolo della maternità.
Chi lo cinge si augura possa avere, per intercessione del Santo, a cui la coppia di sposi devotamente si affida, una buona prole.
Il Brezi veniva donato, durante il fidanzamento, in uno scambio tradizionale di doni, qualche giorno prima delle nozze in occasione dell’esposizione della dote, tanto usata una volta, o di solenni festività, alla futura sposa per augurarne, appunto, la fecondità.
Ancora oggi le spose albanesi usano indossare questo meraviglioso abito tramandato da madre in figlia e gelosamente custodito e cinte da questo bellissimo gioiello, ornate da collana e orecchini sapientemente lavorate da artigiani orafi di grande rilievo.

Il Brezi nella foto di copertina è realizzato interamente a mano dal Laboratorio Gli Ori di Piana Lucito

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Via Francesco Paolo Di Blasi

La via Di Blasi va dalla via Libertà alla via Piemonte e alla piazza Unità d’Italia. Francesco paolo Di Blasi fu un giureconsulto, scrittore, politico...

Crostata di cachi

Sembra riflettere i colori dell'autunno questo delicato e gustosissimo frutto, dal sapore inconfondibile originario dell' Estremo Oriente. E' nato infatti nelle immense pianure cinesi...

Via Angiò

La via Angiò va dalla via Montepellegrino alla via Salvatore Puglisi. In questa via i duchi d’Angiò fecero edificare la loro villa di campagna, negli...

Via Teatro Garibaldi

La via Teatro Garibaldi va da piazza Magione a via Castrofilippo. Il teatro Garibaldi sorge effettivamente in via Castrofilippo e fu costruito nel 1861-62 su...

Pasta coi Tenerumi

Quando il sole fa capolinea nell’ora più calda della giornata, un palermitano si alza e decide di preparare un buon piatto di Pasta coi...

Chiesa dell’Immacolata Concezione

Entrando da Porta Carini, una delle tre porte che si aprivano sul lato settentrionale della città antica, dovrete fare solo pochi passi sotto i...