Il Brezi: ricchezza d’arte e tradizione.

Autore:

Categoria:

Il Brezi, è il principale ornamento del costume tradizionale di Piana degli Albanesi che è, a sua volta, un vero e proprio trionfo di ricami in oro zecchino, sete vermiglie, verdi e cerulei, e consiste in una cintura in argento formata da placche congiunte al centro da una borchia intagliata a mano e che raffigura soggetti religiosi, tradizionalmente si tratta di santi protettori di Piana in questo caso San Giorgio, ma ci sono anche Brezi raffiguranti San Demetrio, la Vergine Odigitria, San Vito, l’Immacolata Concezione, San Nicola.

Fondamentale l’etimologia della Parola: brez nella lingua albanese significa “generazione”, “stirpe”, “discendenza”, “progenie”, il Brezi, infatti viene indossato dalle donne di cultura albanese a simbolo della maternità.
Chi lo cinge si augura possa avere, per intercessione del Santo, a cui la coppia di sposi devotamente si affida, una buona prole.
Il Brezi veniva donato, durante il fidanzamento, in uno scambio tradizionale di doni, qualche giorno prima delle nozze in occasione dell’esposizione della dote, tanto usata una volta, o di solenni festività, alla futura sposa per augurarne, appunto, la fecondità.
Ancora oggi le spose albanesi usano indossare questo meraviglioso abito tramandato da madre in figlia e gelosamente custodito e cinte da questo bellissimo gioiello, ornate da collana e orecchini sapientemente lavorate da artigiani orafi di grande rilievo.

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

11,117FansLike
478FollowersSegui
557FollowersSegui
Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

I nettascarpe, pezzetti di storia quasi dimenticati

Passeggiando per il centro storico di Palermo, ma anche negli altri centri storici siciliani, non è raro imbattersi in dei curiosi arnesi metallici piantati...

Oratorio serpottiano di San Mercurio

L’oratorio di San Mercurio deve il suo nome ad un curioso equivoco. Infatti fu costruito nella seconda metà del ‘500 nel luogo dove esisteva...

Urgente! Il Policlinico Paolo Giaccone ricerca personale OSS

Il Policlinico di Palermo cerca con urgenza personale OSS per sostituire e integrare i dipendenti già in servizio per fronteggiare emergenza Covid-19 Bando Fac-simile...

Come prenotare un tampone gratuito on-line

16 novembre 2020 La Regione Siciliana ha avviato un progetto per il tracciamento del contagio da Covid-19 sulla cittadinanza residente sul territorio regionale, attraverso periodiche...

Una notte al Covid hospital di Palermo

Spesso non ci rendiamo davvero conto di cosa c'è, di cosa si prova e come ci si sente dentro ad un reparto Covid. Come...

Enna: storia di una città tra mito e realtà

Anticamente era il centro del culto di Demetra-Cerere e della figlia Kore-Persefone, divinità della terra legate alla fertilità e all’attività agraria. Le fonti classiche...