Il Brezi: ricchezza d’arte e tradizione.

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

Il Brezi, è il principale ornamento del costume tradizionale di Piana degli Albanesi che è, a sua volta, un vero e proprio trionfo di ricami in oro zecchino, sete vermiglie, verdi e cerulei, e consiste in una cintura in argento formata da placche congiunte al centro da una borchia intagliata a mano e che raffigura soggetti religiosi, tradizionalmente si tratta di santi protettori di Piana in questo caso San Giorgio, ma ci sono anche Brezi raffiguranti San Demetrio, la Vergine Odigitria, San Vito, l’Immacolata Concezione, San Nicola.

Fondamentale l’etimologia della Parola: brez nella lingua albanese significa “generazione”, “stirpe”, “discendenza”, “progenie”, il Brezi, infatti viene indossato dalle donne di cultura albanese a simbolo della maternità.
Chi lo cinge si augura possa avere, per intercessione del Santo, a cui la coppia di sposi devotamente si affida, una buona prole.
Il Brezi veniva donato, durante il fidanzamento, in uno scambio tradizionale di doni, qualche giorno prima delle nozze in occasione dell’esposizione della dote, tanto usata una volta, o di solenni festività, alla futura sposa per augurarne, appunto, la fecondità.
Ancora oggi le spose albanesi usano indossare questo meraviglioso abito tramandato da madre in figlia e gelosamente custodito e cinte da questo bellissimo gioiello, ornate da collana e orecchini sapientemente lavorate da artigiani orafi di grande rilievo.

 

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Come partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

Ancora due mesi per partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” Ci sono ancora due mesi di tempo per aderire alla decima...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

STORIA                   Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori casati...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...

Jack Churchill: L’ufficiale che sbarcò in Sicilia con arco e spada

Che qualcuno sia sbarcato in Sicilia armato di spada, arco lungo e frecce, non è certo una novità nella storia millenaria della nostra isola....