La tragedia del porto che sconvolse Palermo

Autore:

Categoria:

Il 15 Dicembre 1590, Palermo fu coinvolta in un tragico evento, destinato a sconvolgere l’intera cittadinanza. Nel porto della Cala infatti il crollo di un pontile di legno causò la caduta in mare di centinaia di uomini, donne e bambini. Questo incidente costò la vita a circa 250 persone, tra cui moltissimi tra nobili e alte cariche del regno, fatto che all’epoca amplificò ulteriormente la commozione per tale episodio.

Ecco cosa accadde.

Il crollo del pontile della Cala

Del viceré Diego Henriquez de Guzman conte di Albadelista, noi Siciliani non abbiamo conservato proprio un bel ricordo. Nei suoi 7 anni di governo si sono susseguite carestie, malcontenti e sciagure, manco avesse rotto uno specchio nel giorno del suo arrivo a Palermo.

Pronti, via, nel 1586, a meno di un anno dal suo arrivo, si trovò a gestire una delle più gravi carenze di grano di quell’epoca, resa ancora peggiore da un gravissimo errore di valutazione delle autorità. Credendo pieni i depositi granari con cui si sopperiva alle emergenze e agli anni di magra, il Senato non si preoccupò di rifornirsi per tempo. Quando invece, aperte le fosse, si scoprì che i granai erano praticamente vuoti, era ormai troppo tardi per garantire il pane a tutta la città, che rimase così a lungo a patire la fame.

Alla fine il grano arrivò dalla Spagna, ma il malcontento continuò a covare tra il popolo anche negli anni successivi.

Non si può dire che la colpa fosse tutta sua, d’altronde non è compito del viceré andare fisicamente a controllare che tutti i granai siano effettivamente pieni, ma ormai abbiamo capito che il de Guzman era un uomo abbastanza sfortunato, e lo fu anche in occasione della tragedia avvenuta qualche anno più tardi, di cui suo malgrado fu protagonista (anzi per poco non ci rimase secco anche lui).

Ciò che successe fu che nel Novembre 1590 il viceré e il suo seguito, si recarono in pellegrinaggio a Messina, per rendere omaggio ai resti del corpo di San Placido, recentemente ritrovati. Di ritorno a Palermo, come di consueto, era stato preparato un comitato di benvenuto ad attendere l’arrivo della galea in cui viaggiava il conte di Albadelista.
Per facilitare le operazioni di sbarco, e per poter accogliere la gran folla di senatori, prelati ed alti funzionari accorsi a dare il bentornato alla corte vicereale, alla Cala, nei pressi della chiesa della Madonna di Piedigrotta, fu costruito un grande pontile di legno presso il quale l’imbarcazione regia avrebbe effettuato l’attracco.

Probabilmente a causa dell’eccessiva folla, o forse addirittura a causa di un forte urto dovuto ad una manovra sbagliata dell’equipaggio della galea, accadde l’impensabile. Il pesante pontile di legno crollò rovinosamente, sbalzando centinaia di persone nelle acque gelide e limacciose della Cala.
Le vittime furono tantissime, oltre 250 secondo le cronache dell’epoca.

Molti morirono a causa della caduta in mare, annegati per l’impossibilità di restare a galla in quella baraonda di corpi e detriti, tra l’altro concentrata nello stretto spazio tra la banchina e l’imbarcazione.

Altri purtroppo morirono per sciacallaggio. Si racconta infatti che alcuni popolani vollero approfittare della situazione per derubare i nobili e i prelati che erano caduti in mare con tutti i loro preziosi vestiti e gioielli, naturalmente dopo averli lasciati annegare, se non addirittura dopo averli affogati con le loro mani.
D’altronde come abbiamo visto era un periodo di magra, e la fame è in grado di tirare fuori il peggio da ogni persona.

Alla fine il conto delle vittime fu pesantissimo, ancor più risonante a causa dei tantissimi morti illustri, nel panorama nobiliare di Palermo.

L’opera commemorativa della Tragedia di Piedigrotta, ad opera di Giuseppe d’Alvino detto il Sozzo

Nella sfortuna, in questo caso il viceré fu invece abbastanza fortunato, visto che se il crollo fosse avvenuto qualche secondo dopo, anche il de Guzman si sarebbe ritrovato in acqua, chissà con che esito.
Per onorare quello che lui interpretò come un miracolo ricevuto, commissionò a Giuseppe d’Alvino, detto il Sozzo, la realizzazione di un’opera che commemorasse l’evento, da collocare poi proprio nella vicina chiesa di Piedigrotta. Il pittore palermitano fu scelto, non solo per via della sua popolarità in quegli anni, ma anche in quanto testimone oculare dell’accaduto, visto che si trovava in una delle imbarcazioni a seguito della corte vice-regia.

La sua opera, in seguito ai bombardamenti che hanno distrutto la chiesa in cui si trovava, è stata salvata dalle macerie e portata alla galleria di Palazzo Abatellis, dove si trova tutt’ora, commemorando ancora l’incredibile tragedia che sconvolse Palermo.

Fonti: G. Palermo – Guida istruttiva per Palermo e suoi dintorni, Palermo 1858
Repubblica.it – Il dipinto che narra la tragedia del porto “nascosto”nei sotterranei del museo
Treccani – Diego Enríquez de Guzmán ALBA DE LISTE
G. Sommariva – Quel ponte di legno crollato a Piedigrotta – PER33 – Maggio/Agosto 2012

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

L’Oratorio dell’Immacolatella

L'Oratorio dell'Immacolatella è un piccolo oratorio di eccezionale valore artistico e culturale che si trova in un angolo nascosto del centro storico, in via...

Lo scomparso quartiere della Conceria

Fino ai primi anni ’20 del ‘900, Palermo aveva nel suo centro storico, un antico quartiere medievale noto con il nome di Conceria. Non...

Carciofi e patate a sfincionello

I carciofi con le patate a sfincionello sono un secondo piatto delizioso della cucina palermitana e siciliana in genere, una ricetta tipica delle nostre...

La lotta di Palermo contro le cavallette

Proprio come nella biblica piaga d’Egitto, le invasioni di cavallette, o di locuste, potevano segnare un periodo di lunga carestia, a causa della grande...

Involtini gustosi di melanzane

Uno degli ortaggi più versatili in cucina è la melanzana, che puoi cucinare in svariati modi. Gli involtini di melanzane, quelli che oggi vi...

La chiesa di Santa Maria di Portosalvo

Sotto Clemente VII Pontefice Massimo e l'Invittissimo Carlo V Imperatore e Re di Spagna nell'anno 1524 Tornando vittoriose dall'Africa le triremi sicule ed invocando...