Crocifisso della chiesa di S. Spirito

All'interno del cimitero di Sant’Orsola a Palermo si erge un gioiello dell'arte Normanna siciliana la chiesa di Santo Spirito o dei Vespri. Dentro, all'altezza dell'abside centrale è appesa  una Croce lignea dipinta. Il volto sofferente del Cristo sembra guardare l'altare pochi metri sotto. 

Autore:

Categoria:

Come per la maggior parte dello opere del genere non conosciamo con certezza chi ha dipinto la croce della Chiesa di Santo Spirito. Gli studiosi l’attribuiscono ad un ignoto pittore vissuto tra la fine del 300 e gli inizi del 400 chiamato Maestro del Polittico di Trapani, per avere dipinto un Polittico (un insieme di tavole dipinte e incorniciate in un unica opera) che si trova a Trapani. Di dove sia stato originario questo sconosciuto autore non è dato saperlo, ma nella sua opera sembra chiara l’influenza della pittura toscana e più precisamente pisana della fine del Trecento.

La croce è posta in alto, appesa poco dietro l’altare secondo l’usanza diffusa nell’Italia centrale a partire dal XIIcrocifisso secolo. Alcune di queste croci erano dipinte su entrambe le facciate e mostravano da un lato il Cristo sofferente e dall’altro il Cristo Risorto: la notte di Pasqua veniva girata (due splendidi esemplari di queste croci sono conservate nel Museo Regionale di Palazzo Abatellis a Palermo).

L’usanza di rappresentare il Cristo crocifisso si impose tardivamente nella cristianità. In principio si evitava per l’infamia di questo genere di supplizio, per cui nelle catacombe si intravedono solo accenni di croci, a volte dissimulate come un tau, senza mai la figura di Gesù. Dopo Costantino, la croce assume un carattere trionfale e dal V secolo la figura del crocifisso compare nella veste gloriosa, eretto e con gli occhi aperti: è crocifisso, ma è sempre il Signore, soffre come uomo ma il suo corpo non subisce il degrado della corruzione, mantiene tutta la sua maestà. “Lo vedo crocifisso e lo chiamo Re” affermava san Giovanni Crisostomo.
icona della crocifissioneDall’XI secolo, emerge una forte componente compassionevole nella cristianità e il corpo di Cristo nella croce mostra tutto il peso della sua sofferenza arcuandosi sotto lo spasmo del dolore mentre i suoi occhi si chiudono: è ormai un Cristo morto pur nella sua incorruttibile nobiltà.
La croce viene rappresentata fissata al suolo per riunire la terra al cielo, anzi è piantata sul Golgota (luogo del cranio in ebraico) sopra una grotta all’interno della quale riposa il teschio di Adamo. Il sangue di Cristo gocciola su quelle spoglie e purifica l’umanità intera.
Alla destra del crocifisso la madre, Maria, è annichilita dal dolore mostrando con la mano destra il figlio e trattenendo la sinistra vicino al collo come a soffocare gli spasmi dell’angoscia.
A sinistra san Giovanni sta piegato con la mano a sorreggere il capo in segno di riflessione e contemplazione del Mistero che si sta compiendo.

Il crocifisso della chiesa di Santo Spirito a Palermo rispetta queste caratteristiche ma non è più una icona bizantina pur mantenendone gli aspetti essenziali. Si presenta come una croce intagliata con quattro capicroce polilobati alle estremità ed una cornice dorata e intagliata che la circonda lungo tutto il perimetro.
Nel capocroce in alto il Redentore appare nella sua piena regalità, il testoRedentore del libro aperto recita in latino: Ego sum lux mundi; qui sequitur me, non ambulabit in tenebris (Io sono la luce del mondo chi segue me non abiterà nelle tenebre). Rappresenta il Padre e insieme il Cristo ormai risorto nella sua gloria ed è vestito coi colori classici delle icone: abito rosso, segno della divinità, e manto azzurro segno della umanità che lo riveste. Un po’ più in basso, sopra un cespuglio fiorito, un pellicano becca il proprio ventre per nutrire i propri piccoli e simboleggia Cristo che dona il proprio corpo come cibo e il proprio sangue come bevanda durante l’ultima cena. La ragione è legata ad pellicanouna antica leggenda, assunta nel medioevo, secondo la quale questo uccello nutriva i suoi piccoli con la propria carne ed il proprio sangue.

Nei capicroce, a destra è rappresentata Maria ed a sinistra san Giovanni, entrambi a mezzo busto. In basso una roccia entro la quale il teschio di Adamo viene bagnato dal sangue che cola dai piedi del Crocifisso.
Al centro, sopra una croce dipinta di nero, si staglia la figura del Cristo morto. Si presenta coperto da un perizoma bianco trasparente, il capo coperto dalla corona di spine è reclinato, gli occhi chiusi ed i lineamenti rilassati mantengono una dignitosa compostezza. Il corpo è ritto, solo le gambe risultano un po’ piegate dal piedistallo che serve per sorreggerlo.
Al di sopra, il cartiglio rosso riporta la scritta  INRI, il Titulus crucis, un acronimo ottenuto dalla frase latina Iesous Nazarenus Rex Iudaeorum, che significa: Gesù di Nazaret, re dei giudei.
Tutte le figure rappresentate sono circondate da aureole realizzate con fogli d’oro cesellati e punzonati in motivi floreali davvero notevoli.
Appesa sopra l’arcata del presbiterio, la croce domina sulla navata centrale e chiunque entra rimane davvero incantato dalla serena, sobria maestà di tutto l’inseme. Una esperienza da non perdere!

Altre croci dipinte, pendenti dall’arco trionfale, si possono visitare nelle chiese di S. Ippolito Martire e S. Giovanni dei Lebbrosi a Palermo e nella Chiesa Madre di Termini Imerese.

(Dobbiamo ringraziare l’Ente Camposanto di Santo Spirito di Palermo che ha finanziato il restauro dell’opera ed il contributo realizzativo effettuato magistralmente dal restauratore palermitano Mauro Sebastianelli con la consulenza di Maria Concetta Di Natale.)

Saverio Schirò

fonti:
S. SCHIRO’, http://gruppo3millennio.altervista.org/simboli-del-cristianesimo/
M.G. MUZJ, Trasfigurazione, Introduzione alla contemplazione delle Icone, Milano 1987
P.M. EVDOKIMOV, Teologia della bellezza, L’arte dell’Icona, Roma 1984
M.C. DI NATALE, M. SEBASTIANELLI, Il maestro del Polittico di Trapani, Il Restauro della Croce di Santo Spirito di Palermo, Palermo 2010

Crocifisso della Chiesa s. spirito

Rimani sempre aggiornato con la cultura, segui Palermoviva

9,937FansLike
412FollowersSegui
536FollowersSegui
Saverio Schirò
Saverio Schiròhttps://gruppo3millennio.altervista.org/
Staff member. Appassionato di Arte e Teologia e di tutto ciò che è espressione della genialità umana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Pasta chi vruocculi arriminati

La pasta chi vruocculi arriminati è uno dei piatti palermitani per eccellenza insieme alla pasta con le sarde e gli anelletti al forno. Il nome...

Nutella di Pistacchio di Bronte fatta in casa

Oggi scopriremo la ricetta della crema dolce di pistacchio di Bronte, una preparazione spalmabile simile alla più famosa Nutella. La Sicilia è ormai famosa in...

Listarelle di peperoni in agrodolce

I peperoni in agrodolce sono un contorno molto diffuso nella cucina siciliana, ottimi per accompagnare piatti a base di carne, di pesce o riso...

La tradizione dell’Immacolata…in cucina

La festa dell'Immacolata inaugura il periodo delle festività natalizie e a Palermo devozione e tradizione si fondono facendo di questa ricorrenza una delle feste...

Conclusi i lavori di consolidamento del Castello di Calatubo

Alcamo (TP), sabato 23 novembre 2019 Presentati oggi i lavori di consolidamento, appena conclusi, delle antiche strutture murarie del Castello di Calatubo ad Alcamo (TP),...

Quando Aretha Franklin incantò Palermo (video)

Nel Luglio 1970 il pubblico di Palermo aspettava con grande impazienza l'arrivo di Aretha Franklin. C'era grande attesa sul malconcio campo della Favorita e...