Il Genio di Palermo

Autore:

Categoria:

15,943FansLike
478FollowersSegui
580FollowersSegui

genio del Garraffo2Il Genio di Palermo è una delle più antiche e complesse figure mitologiche della tradizione cittadina ed espressione di una spiritualità popolare antica, probabilmente risalente all’epoca pre-romana. 
Il Genio  (dal greco
 ghenos= nascita e dal latino genius=generatore di vita) era un essere immanente atto a proteggere il luogo, naturale o meno, in cui l’uomo e la sua famiglia dimoravano o si trovavano a vivere: è il Genius loc
i per l’appunto.
Il Genio è nume ed emblema della Città di Palermo nonchè  complementare di Santa Rosalia, eletta dal 1624  sua patrona. E’ sempre raffigurato come un vecchio seduto in trono ed incoronato, con la barba divisa in due ciocche ed è accompagnato da un serpente nell’atto di morderlo o di succhiargli il petto e alle volte sormontato da un’aquila o con ai piedi un cane o, ancora, con in mano lo scettro.
Nella statua posta all’interno del Palazzo Pretorio
 (Palermu u nicu)  ai suoi piedi si legge la scritta: Panormus conca aurea suos devorat alienus nutrit»  (Palermo conca d’oro divora i suoi e nutre gli stranieri), espressione che identifica con la conca  la pianura in cui sorge Palermo (la Conca d’Oro) mentre il  motto  lascia supporre una eventuale discendenza del Genio da Kronos o Saturno,  divinità del tempo e dell’agricoltura, divoratore dei propri figli e simbolo di pienezza e abbondanza.

La simbologia del serpente può assumere altri significati;  essendo  associato alla terra e all’acqua, alla fertilità, alla rinascita e al rinnovamento ma anche  a simbolo di prudenza e  di conoscenza per la sua natura oscura e nascosta. Il  serpente nutrito dal Genio è indicativo di rinnovamento e di trasformazioni,  anche  grazie alle relazioni con gli stranieri  che nel corso della storia della città furono talvolta conquistatori e talvolta ospiti, produssero commercio, traffici, scambi, rimescolamenti di etnie e matrice di mutamenti culturali.

Le testimonianze del Genio di Palermo disseminate tra le strade e gli anfratti della città sono numerose;  tre le più conosciute vi sono 10 rappresentazioni monumentali, di cui sette sono sculture (con due  fontane),  due sono affreschi (opere di Vito D’Anna)  e un’altra è un mosaico posto dentro la Cappella Palatina.

                                                                                                                                                                                                                                         Grazia Bellardita

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Redazione
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Villa Branciforti di Butera a Bagheria

STORIA                   Don Giuseppe Branciforti, principe di Pietraperzia e conte di Raccuja, deputato del regno, già pretore di Palermo ed esponente di uno dei maggiori casati...

Come partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”

Ancora due mesi per partecipare al X Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” Ci sono ancora due mesi di tempo per aderire alla decima...

Pasta con crema di zucchine e gamberetti

La pasta con crema di zucchine e gamberetti è un delizioso e delicato piatto che non fa parte strettamente della cucina tipica siciliana, ma...

Il giardino della Cuncuma a Palermo

Forse oggi è una rarità poter ascoltare la parola Cuncuma in un discorso comune tra le nuove generazioni, giocoforza la lentissima ma inesorabile scomparsa...

Carusi, addevi e picciriddi: i bambini in Sicilia

Sono molti i modi in cui chiamiamo i bambini in Sicilia. Dipende dalle diverse province dell’isola dove il termine bambino cambia, pur mantenendo lo...

La Sala delle Donne di Palermo

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare...