La Sala delle Donne di Palermo

Un luogo di incontro per sole donne nella Palermo del XVI Secolo.

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
584FollowersSegui

A Palermo in passato non erano molti i luoghi pubblici dedicati solo alle donne. Eppure pochi sanno che ve ne era uno in particolare costruito esclusivamente per il gentil sesso. È nota a molti la funzione della cosiddetta Passeggiata delle Cattive alla Marina che sanciva in qualche modo il rientro in società delle nobildonne che avevano subito una “grave” perdita come quella del marito.

Le “Cattive”, ovvero, le vedove, potevano tornare a respirare all’aria aperta sotto lo sguardo indiscreto delle sfortunate compagne di malasorte e di qualche paraninfo, ovviamente inviato segretamente per conto di nobili signori che desideravano quanto prima ammogliarsi con un buon partito tornato nuovamente disponibile. Non bisognava spostarsi molto dal cortile di S.Bartolomeo¹,
cioè l’odierna piazzetta Santo Spirito, ove era l’ingresso della Passeggiata delle Cattive, per arrivare all’ormai non più esistente Sala delle Donne. Era questo un luogo di ritrovo per godere dell’aria pura del mare, per sfoggiare begli abiti alla moda e scambiarsi vicendevolmente gli ultimi scandalosi pettegolezzi. Non sempre però furono spettatrici di eventi fastosi, dovettero partecipare anche ad una tremenda tragedia della quale si dirà dopo.

«Sul muro settentrionale della citta, e sul molo vecchio che oggi chiamasi Garita, in quella parte che guarda il castello reale, s’alzava maestosa una loggia sostenuta da più colonne, edificata dalla città di Palermo per luogo di delizie delle signore palermitane, ove si radunavano per diporto ne’ tempi estivi a goder la veduta del mare e l’aure freschissime che ivi spiravano, come pure per essere spettatrici dell’ingresso nella città de’ viceré di Sicilia e d’altre feste. Chiamavasi per tanto la Sala delle Donne»².

Loggiato di San Bartolomeo

Non conosciamo la data di fondazione dell’edificio, ma sappiamo che fu più volte restaurato nell’ultimo trentennio del XVI secolo a causa di forti mareggiate che ne compromisero le fondamenta, e addirittura il Di Giovanni ci racconta nel suo Palermo Ristorato che, una volta distrutto, tale edificio mai più fu ricostruito.

Per avere un’idea di come poteva essere la costruzione, basta osservare due dipinti di Giuseppe Albina detto il Sozzo. Uno è La Madonna del Rosario e si trova nell’atrio di Palazzo delle Aquile.
La Sala delle Donne è un particolare di questo dipinto ritratto nella parte centrale bassa della tela e rassomiglia ad un piccolo castelletto. L’altro dipinto nel quale compare la Sala delle Donne è stato commissionato dal Viceré di Sicilia don Diego Enriquez de Guzman conte di Albadalista per ringraziare la Madonna dopo essersi salvato dalla famigerata tragedia del 15 dicembre 1590.
Il Viceré era atteso alla Cala, dalla parte di Piedigrotta, da una moltitudine di persone accorse a salutare il suo arrivo in porto, ma una manovra sbagliata del capitano della nave o il peso eccessivo della gente causò il crollo del ponte di legno sul quale sostavano le persone, perciò finirono per cadere in mare. Molte morirono annegate, La Duca ne riporta il numero di 218, ma il Viceré, la moglie e l’arcivescovo si salvarono miracolosamente.

In memoria di tale evento don Enriquez commissionò il dipinto al Sozzo. Tale opera era stata realizzata per una cappella all’interno della chiesa di Santa Maria di Piedigrotta, andata distrutta nei bombardamenti del ’43. L’opera era divisa in due parti: la tela principale raffiguarava l’Immacolata Concezione, purtroppo andata perduta durante la distruzione della chiesa, mentre la restante parte, una tavola rettangolare, si è salvata, si trova a Palazzo Abatellis ed è stata riscoperta da pochi anni³.


Antonino Prestigiacomo


Note
¹ Carmelo Piola, Dizionario delle strade di Palermo, Stamperia di Michele Amenta, 1870,Palermo
² Gioacchino Di Marzo, Biblioteca storica e letteraria, Luigi Pedone Lauriel, 1890, Palermo Vol. I
³ R. La Duca, Il Castello a mare di Palermo, EPOS-Edizioni Popolari Siciliane, Palermo 1980

Foto di copertina – Dalbono, Edoardo (1841-1915)

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Antonino Prestigiacomo
Antonino Prestigiacomo
Nato a Palermo, dove vive e lavora, ha frequentato la facoltà di Lettere e filosofia dell'Università degli studi di Palermo, è presidente dell'Associazione socio-culturale “Athos”; da anni si prodiga per la valorizzazione e la promozione territoriale della città di Palermo".

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Polpette di sarde

Un secondo piatto tipico della cucina palermitana, molto gustoso e in più semplice da preparare, è la polpetta di sarde. Pesce azzurro pulito, diliscato, fatto a pallottoline schiacciate e...

La spada di Matteo Bonello

Sul grande portone del Palazzo Arcivescovile di Palermo, è inchiodata l’elsa di una spada. Secondo la tradizione tale spada sarebbe servita a Matteo Bonello...

Dolci con ricotta siciliani, una vera delizia per il nostro palato

La ricotta è uno degli ingredienti più utilizzati nella pasticceria siciliana, buona, dolce soffice, permette di fare ottimi dolci grazie alla sua consistenza pastosa e fresca,...

Il ritrovamento delle ossa di Santa Rosalia

Nel luglio 1624, mentre la peste funestava la città di Palermo, all’interno di una grotta di Monte Pellegrino furono trovati alcuni resti ossei inglobati...

Le Chiacchiere di Carnevale

Fra i dolci di Carnevale non possono assolutamente mancare le chiacchiere. Tra l'altro si possono preparare con pochi ingredienti e in maniera veramente veloce,...

La Madonna “a Bedda”: nata dalla devozione di uno schiavo

Passeggiando nell'odierna via Lungarini ho incontrato una gentile ragazza che stava per chiudere dietro di sé il grande portone ligneo di Palazzo Lungarini. Ha...