Coronavirus in Sicilia cosa fare in caso di contagio

La pandemia da COVID-19 in Sicilia: numeri, percentuali e statistiche

Cosa fare se sei venuto in contatto con una persona risultata positiva o hai il sospetto di avere contratto il virus o questo sospetto è confermato?
Non lasciarti prendere dal panico o dall’ansia: non andare al pronto soccorso e neppure dal tuo medico curante. Piuttosto chiamalo per telefono e segui le sue istruzioni.
Giustamente, molti si chiedono cosa fare nel frattempo, se eseguire un tampone, se un esame sierologico, rimanere in quarantena piuttosto che in isolamento. Tanta confusione che non aiuta a gestire questa fase di emergenza e spesso ci porta ad eseguire esami inutili se non pericolosi.
Vediamo di fare chiarezza sul comportamento corretto da mettere in atto seguendo le regole diramate dal Ministero della Salute.

Alcune definizioni importanti

Il test con il tampone può essere di tipo “rapido”, con esito dopo 15 minuti e attendibilità di circa l’80%. Oppure molecolare eseguito presso un laboratorio analisi attrezzato. L’esito si ha dopo almeno 4 ore. È importante chiarire che l’esecuzione di un tampone prima del possibile sviluppo del virus potrebbe dare un esito falso negativo, per cui non ha senso eseguire il tampone subito dopo l’eventuale contatto sospetto. Come in seguito specificato, è meglio attendere 10 giorni in assenza di sintomi sospetti.
L’esame sierologico, cioè sul sangue, ricerca eventuali anticorpi che avremmo sviluppato se il virus è penetrato nel nostro organismo. Sono di due tipi IgM che esprimono la fase acuta della reazione del nostro organismo al virus, si sviluppano dopo circa una o due settimane. Subito dopo cominciano a svilupparsi gli anticorpi IgG o di memoria che rimangono per lungo tempo. Si capisce che un esame sierologico efficace dovrà essere eseguito almeno due settimane dopo l’eventuale contatto sospetto.

Specifichiamo cosa si intende con certi termini che possono creare confusione:

    • Isolamento
      si intende la separazione delle persone infette dal resto della comunità per la durata del periodo di contagiosità in modo da prevenire la trasmissione dell’infezione.
    • Quarantena
      si intende la restrizione dei movimenti di persone sane che potrebbero essere state esposte al virus per la durata del periodo di incubazione, con l’obiettivo di monitorare l’eventuale comparsa di sintomi e identificare tempestivamente nuovi casi.
    • Contatto stretto con caso positivo di COVID  
  • chi vive nella stessa casa;
  • chi ha avuto un contatto fisico diretto senza un dispositivo di protezione individuale  (per esempio la stretta di mano, rimanere faccia a faccia o in un ambiente chiuso a distanza minore di 2 metri per più di 15 minuti); 
  • chi ha viaggiato in aereo nei due posti adiacenti ad una persona positiva di COVID-19, (se la persona positiva ha effettuato spostamenti all’interno dell’aereo, vanno considerati come contatti stretti tutti i passeggeri seduti nella stessa sezione dell’aereo o in tutto l’aereo).
Redazione
Un gruppo di persone accomunate dalla passione per la Sicilia, ma sopratutto per Palermo, con la sua storia millenaria, la sua cultura unica e le sue molte, moltissime sfaccettature.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here