Samu-miniatura_1-640x90

La via Chiarandà va dalla piazzetta Teresi e dalla via Bonagia alla via Falsomiele.

Prende il nome dalla villa e dal fondo che un tempo erano di proprietà di Antonino Chiarandà, barone di Friddani. I terreni e la villa passarono poi in mano alla famiglia Tagliavia e oggi ne rimangono solamente i ruderi, immersi nella città moderna e tra le campagne rimanenti.

Della famiglia Chiarandà è degno di essere ricordato Michele, patriota nato a Palermo alla fine del XVIII secolo e morto in Francia nel 1855. Nel 1820 aveva partecipato alla congiura ordita da Gaetano Abela, in quale fallimento lo aveva costretto ad emigrare  in Francia. Fu un acceso sostenitore dell’indipendenza siciliana, mostrando anche una profonda diffidenza nei confronti del Piemonte. Nel maggio 1848 fu designato dal Governo siciliano come rappresentante presso la Repubblica francese.

[mappress mapid=”320″]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.