Costanza d’Aragona: un matrimonio che andò oltre il matrimonio di stato

La saga delle regine Costanza di Sicilia: seconda parte

Autore:

Categoria:

Aiutaci a far crescere la pagina con un semplice clic sul pulsante...Grazie

22,055FansLike
1,046FollowersSegui
633FollowersSegui

C’è da immaginare che né lo sposo, né la sposa fossero particolarmente entusiasti quando, a seguito di intense trattative tra il papato e il re d’Aragona, la sorella di questi, Costanza d’Aragona, venne scelta come moglie per Federico, diventato da poco maggiorenne, all’età di quattordici anni.

Le curiose analogie tra Costanza D’Altavilla e Costanza d’Aragona

La sposa, per una curiosa coincidenza, presentava certe analogie con la defunta madre del re di Sicilia: stesso nome, molto più grande di età (aveva circa 29 anni quando sposò Federico!) ed era vissuta diversi anni in convento dopo la morte del primo marito, il re d’Ungheria, e del suo figlioletto.

Eppure, sembra che questa unione, a prima vista disarmonica, sia stata, invece, ben riuscita. La maturità della regina, la sua intelligenza, la sua conoscenza della politica e la sua ponderazione permisero di compensare il furore giovanile, l’irruenza e la mancanza di esperienza di Federico.

Dopo un anno nacque il loro unico figlio, Enrico, che venne subito incoronato re di Sicilia. La felicità della giovane famiglia durò poco: nel 1212, i grandi elettori germanici, sostenitori della dinastia sveva (Hohenstaufen o “ghibellini”) e opposti a quella di Brunswick (Welfen o “guelfi”), fecero appello al giovane re di Sicilia per contrastare Ottone di Brunswick. Federico, allettato dalla prospettiva di diventare re di Germania e imperatore del Sacro Romano Impero, si imbarcò per l’avventurosa riconquista della corona di suo padre e di suo nonno, nonostante il parere contrario della moglie.

Lasciò in Sicilia il figlio di poco più di un anno, con Costanza, alla quale affidò la reggenza del Regnum, un incarico che la giovane regina svolse con grande impegno e competenza: non si lasciò scoraggiare né dalle rivalità dei nobili di origine normanna, né dalla scomparsa dei 500 cavalieri che aveva portato con sé al momento del matrimonio e che erano stati falciati da una micidiale epidemia, assieme al loro comandante Alfonso, l’amato fratello della regina.

Dopo la disfatta di Ottone di Brunswick, Federico, diventato ufficialmente re di Germania, volle che anche suo figlio fosse incoronato “re dei Romani” (ossia di tutto l’impero), a dispetto della promessa fatta a Innocenzo III di non unire mai le due corone. Costanza, dovette lasciare il figlio in Germania, dove sarebbe stato educato: non l’avrebbe più rivisto, ma almeno avrebbe ignorato il triste destino di Enrico, ribelle all’autoritario padre, fatto prigioniero e morto suicida.

Di ritorno in Italia, la coppia venne incoronata dal Papa imperatore e imperatrice. Poco dopo, Costanza moriva a Catania, colpita da febbri maligne, mentre Federico era impegnato a domare la ribellione dei Saraceni a Jato.

Costanza riposa nella cattedrale di Palermo, in un antico sarcofago di marmo bianco. Il commovente epitaffio, dal tono non convenzionale, fu probabilmente composto dallo stesso imperatore; parla l’imperatrice che si rivolge al marito: “ Sicanie regina fui Costantia coniux augusto hic habito nunc Federice tua” (Fui regina di Sicilia, Costanza, imperatrice e sposa. Ora qui abiterò, Federico, tua).

Sarcofago di Costanza d'Aragona
Il sarcofago di Costanza D’Aragona – foto di G. Dall’Orto via wikimedia commons

Fu seppellita rivestita dai suoi ornamenti più splendidi, con vestiti sontuosi, gioielli preziosi e in testa una ricca corona, un “camaleuco” che possiamo ammirare nel Tesoro del Duomo.

Liliane Juillerat

Nella terza puntata della Saga delle Regine Costanza di Sicilia sarà raccontata la storia di Costanza: la regina beatificata dalla chiesa
Se vuoi conoscere la prima parte puoi leggere “La Gran Costanza” d’Altavilla.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Liliane Juillerat
Liliane Juillerat
Liliane Juillerat Ferrara, cultrice di lingue, letteratura e arte, nata in Svizzera e sposata con un siciliano, ha insegnato la lingua francese all'Università di Messina per oltre vent'anni. Trasferitasi a Palermo per stare vicina ai nipoti si è ben presto lasciata ammaliare da questa città, dalla sua lunga storia e dai suoi prestigiosi monumenti. Ha da poco pubblicato con l'editore Torri del Vento un romanzo storico intitolato "Costanza d'Altavilla Così volle il fato"

1 COMMENTO

  1. Buona giornata Liliane, complimenti per la tua passione e rigorosa ricerca di questo periodo storico che con scrupolosita’ continui ad approfondire. A quando il prossimo libro? Guarisci presto che ti aspetto a maredolce

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Le chiese di Santa Rosalia a Palermo

Se chiedessi quali sono le chiese di Santa Rosalia a Palermo, credo che in molti avrebbero difficoltà a rispondere, pensando che il Santuario posto...

Franca Florio: una donna da ricordare

Donna Franca Florio è la degna rappresentante di una Palermo che non esiste più. È bello, oggi poter ricordare una donna che  ha fatto la...

La mela cotogna e la cotognata

La mela cotogna è il frutto base per la preparazione della cotognata, quella merenda d'altri tempi che sicuramente chi ha qualche anno in più ricorderà benissimo! Un...

Il Coccodrillo della Vucciria

Quella del Coccodrillo della Vucciria è una delle storie più curiose di Palermo, sulla quale sono state ricamate leggende e dicerie a non finire....

Una passeggiata a…Monreale

Visita guidata al Duomo di Monreale Alle pendici del Monte Caputo, in uno scenario d'eccezionale bellezza, a 7 Km da Palermo, sorge la cittadina Normanna...

La soppressione degli ordini religiosi e confisca dei beni ecclesiastici nella Palermo di fine ‘800

il Regio Decreto 3036 del 7 luglio 1866 definì la soppressione degli ordini religiosi e e delle congregazioni e l'anno successivo una seconda legge...