Samu miniatura_1

La via Visita poveri, che va dall’omonima piazzetta alla via Vittorio Emanuele, era anticamente conosciuta  come via dei “Berrettonai”, in quanto vi si vendevano berretti di lana. L’omonima piazzetta, era invece conosciuta come via dei “Pettinari”, perché popolata da fabbricanti di pettini.

Il nome attuale si riferisce ad un’antica chiesa che era sede della congregazione di Nostra Signora di Visita Poveri che aveva il compito di distribuire l’elemosina ai poveri e di portare il pane ai carcerati. La costruzione della chiesa venne iniziata da un terziario francescano, tale Pietro Paolo Borgisi, che era solito raccogliere i soldi delle elemosine per acquistare pane da inzuppare di vino per essere distribuito ai poveri, in un periodo di carestie e scarsa attenzione al benessere della popolazione. Egli, fattosi frate agostiniano nel convento di S. Nicolò da Tolentino, pare che sia morto nel 1662 alla bellezza di 114 anni.

Tra i compiti della congregazione, oltre alla già citata distribuzione del pane e delle elemosine, che avveniva durante le sette feste principali della Madonna, vi era l’usanza di preparare un banchetto per i poveri ogni anno, nel giorno della domenica in Albis, ovvero la prima domenica dopo la Pasqua. Gli stessi congregati servivano personalmente i pasti a tutti i poveri della città.

Nel 1915 la chiesa, che sorgeva dove adesso si trova il palazzo del Banco di Sicilia, venne abbattuta.

[mappress mapid=”55″]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.