Le statue di Palermo avvocate del popolo

Per rispondere alla scarsa libertà di parola, nel XVIII secolo le statue di Palermo iniziarono a “parlare”. Su di esse la notte apparivano misteriosi cartelli ricchi di coloriti versi satirici contro chi governava la città.

Autore:

Categoria:

Al giorno d’oggi è fin troppo facile esprimere la propria indignazione nei confronti delle amministrazioni locali e nazionali. Basta andare su qualunque social network per scrivere un commento piccato, contestare una decisione o addirittura inviare un messaggio direttamente al politico contro il quale si vuole protestare.

Nella Palermo del XVIII secolo non era così semplice. A quell’epoca la libertà di parola nel Regno di Sicilia era pressoché nulla, almeno in pubblico, e le espressioni di dissenso nei confronti dei governanti, che fossero sovrani, viceré o pretori cittadini, venivano punite severamente dalle autorità.
Per questo motivo il popolo, sempre più costretto al silenzio, iniziò a far parlare i muri e le statue.
Ecco come.
Pasquinate PalermoQuando qualcosa non andava, e accadeva spesso, nottetempo comparivano degli eloquenti cartelli anonimi, che venivano inchiodati sui muri o appesi al collo delle statue collocate in zone strategiche della città. I contenuti dei cartelli erano prevalentemente di natura satirica, anche se a volte appariva anche qualche esasperata minaccia nei confronti del governante di turno.

Le sculture preferite dai cittadini erano quelle del Genio di Palermo, portavoce per eccellenza dei bisogni del popolo, ma anche altre, come il Carlo V di Piazza Bologni o le statue dei Quattro Canti, venivano usate spesso e volentieri a tale scopo.
Impedire questa forma d’espressione popolare era pressoché impossibile. Palermo è piena di statue e nell’oscurità qualunque forma di sorveglianza preventiva sarebbe stata solo uno spreco di tempo e risorse.
Quindi per molti anni non fu insolito, recandosi la mattina alla Fieravecchia (oggi Piazza Rivoluzione), trovare il Genio con un cartello al collo che in pochi versi denunciava storture e malcostumi. Questi tipi di satira, breve e pungente, erano già in voga in altre città Europee, soprattutto a Roma, dove prendevano il nome di Pasquinate.
Le argute composizioni erano vere e proprie opere di poesia popolare, brevi versi in rima che rivelavano spesso una certa abilità nei loro (spesso) autori anonimi. Trattandosi di gesti di protesta, non era insolito che le Pasquinate fossero arricchite da espressioni colorite e vere e proprie male parole.
Il Pitrè riporta alcuni esempi di questi versi. In questo caso il contesto è una brutta carestia che colpì la Sicilia nel 1793. Qui l’accusato è il Pretore Cannizzaro, duca di Belmurgo, accusato di essersi arricchito a spese della comunità mentre la gente moriva di fame. A detta del popolo l’unica contromisura adottata dal Pretore fu il predicare fede e speranza in attesa che la carestia fosse passata. A tal proposito un’irriverente composizione fece la sua comparsa tra i vicoli di Ballarò:
Cu la fidi e la spiranza
Un guastidduni ‘un jinchi panza
Preturi Cannizzaru
Ha misu Palermu cu’na canna a li manu.

I versi alludono al fatto che a causa della carestia i fornai avevano diminuito il peso del pane (il guastidduni era appunto una tipica forma di pagnotta) che adesso quindi non sfamava più come prima.
Insomma, la situazione causava non pochi grattacapi ai viceré di quegli anni, tanto da richiedere l’inasprimento delle pene per chiunque fosse stato sorpreso a comporre versi satirici, indipendentemente dal ceto di appartenenza. Il viceré Caracciolo arrivò a far incarcerare tre nobili palermitani, Vincenzo di Pietro, Ugo delle Favare e Gaspare Palermo, per il solo sospetto di aver concepito delle battute umoristiche su di lui.
Addirittura fu promesso un cospicuo premio di 300 onze a chiunque denunciasse in segreto gli autori delle Pasquinate. Sebbene tra il popolo si conoscessero i misteriosi artefici, nessuno andò a denunciarli.
Oggi qualcuno definirebbe questo atteggiamento omertoso, ma grazie a queste mancate denunce, le statue di Palermo continuarono a parlare in difesa del popolo.

Fonti: G. Pitrè – La vita in Palermo cento e più anni fa – Vol. I.
Villabianca – Diari Palermitani

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,040FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Caponata di carciofi

I carciofi sono ortaggi molto apprezzati e usati nella cucina siciliana. La Caponata di carciofi è una variante invernale della conosciutissima Caponata di melanzane...

La Chimica Arenella, storia di un’eccellenza perduta

Il nome di Chimica Arenella forse non dirà niente ai più giovani, mentre qualcuno forse ne ricorderà le vicende passate, purtroppo molto spesso costituite...

La chiesa nascosta sotto la Cappella Palatina

Dentro il Palazzo dei Normanni, fiore all’occhiello di Palermo, si trova la semi sconosciuta Chiesa di Santa Maria delle Grazie, spesso impropriamente scambiata per...

Cassata siciliana al forno

La cassata siciliana al forno è un dolce buonissimo di pasta frolla che racchiude un ripieno cremoso di ricotta di pecora e gocce di cioccolato fondente, una variante della...

Da dove viene il termine Locco?

Dopo aver analizzato le origini del termine Babbasone, andiamo a ricercare le origini di un altro aggettivo molto popolare a Palermo. Locco è un...

Pasta con tonno e mollica tostata

La pasta con tonno e mollica tostata è un primo piatto buonissimo, facile ed economico. Un classico primo piatto da fare velocemente, quando arrivate...