Le vie di Palermo

La borgata di Boccadifalco è di formazione abbastanza recente. Fu impiantata all’inizio del XIX secolo dal principe ereditario Francesco di Borbone, appassionato di botanica ed agronomia, che qui impiantò un parco con un vero e proprio orto botanico, con allevamenti di bestiame e riserve di caccia. L’origine del nome, tuttavia, è preesistente. Si riferisce probabilmente alla caccia con i falchi, esercitata largamente durante il medioevo anche dall’imperatore Federico II, che in questa zona trovava un luogo ideale come conformazione e posizione. Dall’utilizzo di quest’area per l’attività di caccia col falco, essa prese il nome di “Lu Falcu” o “fines Falcunerii”, e il fiume che sgorgava dalle montagne sovrastanti fu chiamato “Del Falcu”. Il nome bocca probabilmente si riferisce proprio alla morfologia del luogo, che si sviluppa su una stretta gola, oppure è un riferimento alla sorgente del fiume che era denominata “Bocca del Falcu”.

Dopo l’utilizzo della zona in epoca borbonica, molti abitanti e lavoratori si trasferirono stabilmente qui per utilizzare i terreni circostanti, formando dei villaggi rurali. In epoca fascista l’area fu utilizzata per costruire un aeroporto militare, in seguito divenuto civile, ancora esistente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here