Palermo e la lotta contro il caldo: storia e curiosità!

Autore:

Categoria:

16,020FansLike
478FollowersSegui
599FollowersSegui

Quando c’è caldo a Palermo qualcuno sbuffa (sciuscia). Non è un problema nuovo, anzi è antichissimo! Ed una volta i mezzi per contrastarlo non erano numerosi come oggi. Qualcuno tuttavia poteva permetterseli. Vediamo cosa ci raccontano i libri…

anziani che soffrono il caldo

Il clima mediterraneo di Palermo è notevolmente invidiato da tutta Europa, tuttavia le nostre estati afose hanno sempre rappresentato un problema, sin dai tempi delle prime colonizzazioni, sin da quando, come non esisteva l’effetto serra, non esistevano nemmeno i ventilatori. Nonostante l’universalità del problema, che sicuramente colpiva tutta la popolazione, senza differenza di ceto o di classe sociale, esistevano dei rimedi che solo le classi più agiate potevano permettersi.

Premettiamo che il problema afa iniziò a farsi pressante dopo il ‘500 quando, con l’innalzamento della nuova cinta muraria, la città si ritrovò a “ristagnare” nel proprio caldo umido, con gli alti baluardi che impedivano la circolazione dell’aria. Nei piccoli vicoli, grazie all’ombra costante, il caldo era più tollerabile, ma sulle strade principali, dove anche i nobili avevano le proprie abitazioni, l’afa richiese importanti contromisure. L’aristocrazia palermitana iniziò così a trasferirsi in apposite case di villeggiatura, costruite per lo più nella zona di Bagheria o della Piana dei Colli. In queste località, sicuramente più ventilate, molte ville disponevano anche di una camera dello scirocco, ovvero ambienti sotterranei nei quali i signori e le loro corti si rifugiavano in attesa della fine dei giorni più caldi. Qui dame e cicisbei si riunivano “a conversazione”, gustando bevande ghiacciate ottenute grazie all’uso della neve, sviluppando discorsi piccanti ed intrattenendo relazioni (in genere di natura extraconiugale) con la dama o il cicisbeo di turno.

Nel frattempo, nei curtigghi e nelle vanedde di Palermo, dove abitava il popolo, si cercava tra affanno e sudore, di superare i proverbiali “tre giorni” di scirocco, invocando tutti i santi affinché mandassero una pioggia ristoratrice sul capo dei poveri e sofferenti palermitani.

Samuele Schirò

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Via Antonio Salinas

La via Salinas va dalla via Almeyda a piazza Diodoro Siculo. È dedicata all’archeologo palermitano Antonio (o Antonino) Salinas, nato nel 1841 e morto nel...

Via Corradino di Svevia

Via Corradino di Svevia è una traversa della via Eugenio l’Emiro. È dedicata all’ultimo discendente della casa di Svevia, in quanto figlio dell’imperatore Corrado IV...

Carciofi a spezzatino con patate

I carciofi a spezzatino, comunemente chiamate a Palermo "Cacocciuli a pizzuddicchia", sono un secondo piatto vegetariano molto usato nella cucina tipica palermitana. Un piatto povero...

Melanzane arrosto al trito d’aglio e origano

La melanzana è un ortaggio tipicamente mediterraneo. Venne introdotta in Sicilia nel XV secolo dagli Arabi, dove a tutt'oggi viene coltivata in grande abbondanza....

Le spietate avvelenatrici di Palermo

Palermo 1633. Fra le avvelenatrici più note a Palermo, oltre la famosa "vecchia dell' aceto", vi è una donna di cui sicuramente alcuni di voi...

Le nobili monache spendaccione

Nella Palermo antica, come in molte altre parti d’Italia, vi era l’usanza di instradare alla vita monacale i figli non primogeniti degli aristocratici. Questa...