Palermo e la lotta contro il caldo: storia e curiosità!

Autore:

Categoria:

Quando c’è caldo a Palermo qualcuno sbuffa, lamentandosi e maledicendo il riscaldamento globale. Sappiate però che non si tratta di un problema nuovo, anzi! Oggi abbiamo molti modi per combatterlo, tuttavia una volta i mezzi per contrastarlo non erano così numerosi ed erano in pochi a potersi permettere uno dei rimedi contro l’afa estiva, gli altri potevano solo limitarsi a rinfrescarsi con ventagli e pezze bagnate.

Vediamo cosa ci raccontano i libri di storia.

Storia del caldo a Palermo

Il clima mediterraneo di Palermo è notevolmente invidiato in tutta Europa, tuttavia le nostre estati afose hanno sempre rappresentato un problema, sin dai tempi delle prime colonizzazioni, ovvero sin da quando non esisteva l’effetto serra, così come non esistevano i benedettissimi ventilatori (per non parlare dei condizionatori – Santi Subito!). Nonostante l’universalità del problema, che sicuramente colpiva tutta la popolazione, senza differenza di ceto o di classe sociale, esistevano dei rimedi che solo le classi più agiate potevano permettersi.

Premettiamo che il “problema afa” iniziò a farsi pressante a Palermo, dopo il ‘500 quando, con l’innalzamento della nuova cinta muraria, la città si ritrovò a “ristagnare” nel proprio caldo umido, con gli alti baluardi che impedivano la circolazione dell’aria. Nei piccoli vicoli, grazie all’ombra costante, il caldo era più tollerabile, ma sulle strade principali, dove anche i nobili avevano le proprie abitazioni, l’afa richiese importanti contromisure.

aldo a Palermo-  camera dello Scirocco
Foto By Davide Mauro Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International wikimedia.org

L’aristocrazia palermitana iniziò così a trasferirsi in apposite case di villeggiatura, costruite per lo più nella zona di Bagheria o della Piana dei Colli. In queste località, sicuramente più ventilate, molte ville disponevano anche di una camera dello scirocco, ovvero ambienti sotterranei nei quali i signori e le loro corti si rifugiavano in attesa della fine dei giorni più caldi. Qui dame e cicisbei si riunivano “a conversazione”, gustando bevande ghiacciate ottenute grazie all’uso della neve, sviluppando discorsi piccanti ed intrattenendo relazioni (in genere di natura extraconiugale: vedi Libertà sessuale nella Palermo del 700) con la dama o il cicisbeo di turno.

Dunque è proprio grazie al clima estivo, talvolta inclemente, che Palermo iniziò a popolarsi di meravigliose ville e tenute estive, che oggi rappresentano alcuni dei patrimoni artistici e architettonici più importanti della città. Alcune tra le più rilevanti ville costruite nei dintorni di Palermo, sono Villa Niscemi ai Colli, Villa Trabia alle Terre Rosse, la Palazzina Cinese e villa Palagonia a Bagheria, ma la lista potrebbe essere molto più lunga.

Nel frattempo, nei curtigghi e nelle vanedde di Palermo, dove abitava il popolo, tra affanno e sudore, si cercava di superare i proverbiali “tre giorni” di scirocco, invocando tutti i santi affinché mandassero una pioggia ristoratrice sul capo dei poveri e sofferenti palermitani.

Samuele Schirò

Foto copertina by Depositphotos.com

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile e redattore di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare anche...

Palermo e “il Cassaro”: chiamiamolo così!

La via principale di Palermo, la più antica e importante è stata “il Cassaro”.  Inizialmente indicava il piccolo insediamento che avrebbe dato origine alla...

L’Ammiraglio Gravina, il palermitano che affascinò Napoleone

Tra i personaggi illustri della nostra città, merita senza dubbio una menzione Federico Carlo Gravina, principe di Montevago, palermitano di nobili origini che fece...

Quando nacquero i primi giornali a Palermo?

Il primo numero del Giornale di Sicilia fu pubblicato il 7 giugno 1860 con la testata “Giornale Officiale di Sicilia” sotto la direzione di...

Pasta coi Tenerumi

Quando il sole fa capolinea nell’ora più calda della giornata, un palermitano si alza e decide di preparare un buon piatto di Pasta coi...

L’archivio storico di Palermo

Chi viene a visitare Palermo non dovrebbe fare a meno di entrare e visitare l'Archivio storico Comunale, con la sua grandiosa "Sala" progettata nel 1881 da...

IL CARNEVALE nella storia e…in cucina

Il Carnevale è  da sempre sinonimo di divertimento estremo, di libertà nel gioco, nei travestimenti e nella tavola. Mai come in questo periodo dell'anno,...