La via Brancaccio va da piazza Scaffa alle vie S. Ciro e Conte Federico.

La via, che poi da il nome all’intero quartiere, prende il nome dal nobile don Antonio Brancaccio, che fu governatore ed amministratore generale della città di Monreale e che era proprietario di vasti appezzamenti di terreno in questa contrada. Fu proprio lui, nel 1747, a fondare la chiesa intitolata a San Gaetano da Thiene e a Maria SS. Del Divino Amore, in ricordo degli oratori del Divino Amore, che proprio il santo aveva diretto in tutto il Veneto intorno al 1520. La chiesa è diventata poi famosa per essere stata la parrocchia di Padre Pino Puglisi, recentemente beatificato, che proprio in questa comunità ha operato e progettato un futuro migliore per il quartiere.

La famiglia Brancaccio era di origine napoletana e si stabilì a Palermo intorno al XVI secolo, dando alla città molti giudici e uomini illustri in diverse epoche.

[mappress mapid=”148″]

1 COMMENTO

  1. BRANCACCIO (RIONE E VIA)

    Il toponimo si deve alla nobile famiglia Brancaccio – originaria di Napoli – che vi aveva molti possedimenti, fra cui un mulino per la canna da zucchero (cannamele) edificato nel 1750.

    Ad un esponente di tale famiglia, Antonino Brancaccio – che fu pure governatore e amministratore generale di Monreale nel 1747 – alla di lui sorella Giovanna e al marito di quest’ultima, Antonio Filareto Diez (o Dias o Dies) d’origine catalana, si deve l’edificazione (1742-1747) della chiesa di San Gaetano e M. V. Santissima del Divino Amore, sorta sull’area (proprietà Vaccaro) di una preesistente cappella dedicata a Sant’Anna.

    Detto edificio sacro, d’apprima suffraganeo della Cattedrale, fu eretto a parrocchia nel 1822; l’attuale chiesa di Brancaccio è, però, una ricostruzione (1853) di quella anzidetta che, rischiando di crollare, fu abbandonata per qualche anno, assolvendo per un triennnio (1850-1853) alle funzioni parrocchiali la chiesa del SS. Salvatore di Sette Cannoli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.