Via Giuseppe La Masa

Autore:

Categoria:

Samu-miniatura_1-640x90

La via La Masa va dalla via Mariano Stabile alla via Collegio di Maria al Borgo.

È intitolata al patriota e scrittore Giuseppe La Masa, nato a Trabia nel 1819 e morto a Roma nel 1881.
Fu un tenace avversario dei Borbone e fu continuamente perseguitato dalla polizia per via delle sue idee ed attività rivoluzionarie. Nel 1847, per sfuggire all’arresto si rifugiò a Firenze, dove si mise in mostra per alcune iniziative in favore dei siciliani. In particolare una volta, al teatro “La Pergola” di Firenze, alla fine del “Giovanni da Procida” di Niccolini, salì sul palco e recitò la poesia dal titolo “Saluto dei siciliani ai fratelli toscani”, che gli fece guadagnare il plauso del pubblico.
Tornato in Sicilia fu l’anima ed il cuore della rivolta. Fu il primo ad arrivare alla Fieravecchia il 12 gennaio 1848 per incitare i cittadini a ribellarsi. Dopo la restaurazione borbonica fu nuovamente costretto all’esilio, ma anche in questo caso non smise mai di lavorare in favore della spedizione alla conquista della Sicilia, accattivandosi il favore dell’opinione pubblica e dei governi italiani. Nel 1860 partì con i Mille da Quarto e dopo lo sbarco corse ad arruolare numerose squadre di “picciotti” che si affiancarono a lui e a Garibaldi lottando fino al Volturno. In seguito entrò regolarmente nell’esercito con il grado di maggiore generale. Fu anche deputato al Parlamento italiano.

Un monumento del Civiletti a villa Garibaldi ed una lapide a San Domenico ne ricordano la vita e le gesta.

Foto: Antonio Ilardo

[mappress mapid=”371″]

Articoli Correlati

Via Emerico Amari

Via Principe di Belmonte

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

10,929FansLike
478FollowersSegui
554FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Quando nacquero i primi giornali a Palermo?

Il primo numero del Giornale di Sicilia fu pubblicato il 7 giugno 1860 con la testata “Giornale Officiale di Sicilia” sotto la direzione di...

La scuola di una volta

Chiariamo subito che non si tratta degli anni 30 o 40, quando ancora si usavano penna e calamaio, anche se i banchi della scuola...

Il prezioso archivio dell’Architetto Salvatore Cardella

È in fase di riordino un prezioso fondo privato di notevole valore storico artistico: l’archivio del Prof. Arch. Salvatore Cardella (Caltanissetta 24/06/1896 – Palermo...

Monte Pellegrino

Ho voluto iniziare la descrizione del monte Pellegrino con queste belle parole tratte dal libro "Viaggio in Sicilia" di Bernard Berenson del 1957, perché...

Chiesa Sant’Antonio Abate (detta dell’Ecce Homo)

La chiesa di S. Antonio Abate si trova in via Roma, sulla destra poco dopo la via Vittorio Emanuele venendo dalla Stazione Centrale. È...

Palermo e le Sedie Volanti

Come molti sanno, a Palermo esiste una strada chiamata via delle sedie volanti. Questo nome, così curioso, ha sempre risvegliato la fantasia popolare che...