Via Lancia di Brolo

Autore:

Categoria:

Samuele Schirò firma 2

La via Lancia di Brolo va dalla via Noce alle vie Campolo e Migliaccio.

I Lancia di Brolo sono una nobile famiglia di origine piemontese, che si stabilì in Sicilia ai tempi dell’imperatore Federico II di Svevia. La via è dedicata ad un moderno esponente di tale famiglia, Gaspare Domenico Lancia dei duchi di Brolo, che fu arcivescovo di Monreale, nonché illustre letterato e storico. Nato a Palermo nel 1825, entrò giovanissimo nel monastero benedettino di Monreale, dove fu ordinato sacerdote nel 1848. Nel 1866 si recò a Roma dove fu insegnante di teologia, poi fu ausiliario del vescovo di Palermo e Vescovo di Filadelfia di Arabia, corrispondente alla città di Amman, la capitale dell’odierna Giordania. Nel 1884 ricevette da papa Leone XIII la carica di arcivescovo di Monreale, rendendosi benemerito per la sua incessante attività in favore del popolo, incoraggiando le istituzioni di beneficienza e provvedendo personalmente a generose donazioni provenienti dalle sue abbondanti rendite familiari. Morì nel 1919, lasciando un importante opera in due volumi intitolata Storia della Chiesa in Sicilia nel primi dieci secoli del Cristianesimo.

stemma lancia di brolo

[mappress mapid=”72″]

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,831FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

L’Ammiraglio Gravina, il palermitano che affascinò Napoleone

Tra i personaggi illustri della nostra città, merita senza dubbio una menzione Federico Carlo Gravina, principe di Montevago, palermitano di nobili origini che fece...

Borghi dei Tesori. Nasce il network di 42 piccoli comuni siciliani sotto l’egida delle Vie dei Tesori

PALERMO. Dai siti archeologici alle fortezze saracene, dalle miniere abbandonate alle concerie fantasma, dai castelli aggrappati al cielo agli acquedotti seminterrati, dagli ipogei ai...

Ma quanto è buono il pane a Palermo!?

Il pane è buono dappertutto, e in ogni luogo ha la sua forma, il suo sapore, la sua tradizione. Come non ricordare il famoso...

Un anno di Covid

Esattamente un anno fa, il 25 febbraio 2020, abbiamo avuto in Sicilia il primo caso di coronavirus, una turista bergamasca in visita a...

Le Catacombe dei Cappuccini

Chi visita il cimitero sotterraneo dei Cappuccini si appresta a compiere un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, certo, ma soprattutto in...

Pasta al ragù siciliano

Quando ero bambina uno degli odori che mi svegliava nelle fredde domeniche d’inverno era quello del “ragù siciliano”. Mamma si alzava alle sei del mattino...