Via Colonna Rotta

Autore:

Categoria:

Samu-miniatura_1-640x90

La via Colonna Rotta va dal corso Alberto Amedeo a piazza Ingastone.

A riportare la storia di questa strada e del suo originale nome, è il Mongitore nella sua opera “Della Sicilia ricercata”. Tra queste pagine si racconta di un incidente avvenuto nel 1612, durante la costruzione della bellissima chiesa di San Giuseppe dei Teatini, tra via Vittorio Emanuele e via Maqueda. Mentre le monumentali colonne di marmo della chiesa venivano trasportate dalle cave di Monte Billemi, una di queste cadde e si ruppe proprio in questo tragitto. Date le immani dimensioni del blocco di marmo e la difficoltà nel trasportarlo, questo fu abbandonato in quel punto e lì rimase per moltissimi anni. Da allora, la via e l’intera zona, sono conosciute con il nome di Colonna Rotta.

[mappress mapid=”167″]

Articoli Correlati:

Piazza Indipendenza

Corso Calatafimi

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

10,938FansLike
478FollowersSegui
552FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

2 COMMENTI

  1. Buongiorno/Buona sera.

    Secondo il Mongitore, che ne scrive nella sua opera “Della Sicilia ricercata”, il toponimo ebbe origine perché nel trasportare (1612) una colonna monolitica – che avrebbe dovuto servire per la fabbrica della Chiesa di San Giuseppe dei Teatini ai Quattro Canti – essa si ruppe e fu abbandonata per moltissimo tempo lungo quella che ora si chiama Via… Colonna Rotta.

    In realtà il toponimo è assai più antico, risalendo, esso, almeno al periodo romano della città (254 p. e. v. – 491 e. v.), da Porta Rota (nome a sua volta derivato dalla vicinanza di “ruote” di mulini), poi denominata, in epoca Islamica, Bab Rutah. Ma detta porta civica era già parte della cinta muraria punica e si trovava a sinistra, guardandone il lato esterno, dell’esistente Porta Nuova e – sia pure tompagnata – esisteva (secondo il Di Giovanni) sino alla fine del XIX secolo.

    Grazie per l’attenzione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

I tetti della Cattedrale di Palermo

Da una porta, all'interno della Cattedrale di Palermo, si accede ad una scala  un po' scialba, come di una vecchia casa, che ti immette...

Quando nacquero i primi giornali a Palermo?

Il primo numero del Giornale di Sicilia fu pubblicato il 7 giugno 1860 con la testata “Giornale Officiale di Sicilia” sotto la direzione di...

Il Santo Nero patrono di Palermo

Benedetto da San Fratello, noto soprattutto come San Benedetto il Moro, è uno dei patroni della città di Palermo. Ecco la sua storia straordinaria. Percorrendo...

Monte Pellegrino

Ho voluto iniziare la descrizione del monte Pellegrino con queste belle parole tratte dal libro "Viaggio in Sicilia" di Bernard Berenson del 1957, perché...

La scuola di una volta

Chiariamo subito che non si tratta degli anni 30 o 40, quando ancora si usavano penna e calamaio, anche se i banchi della scuola...

Il prezioso archivio dell’Architetto Salvatore Cardella

È in fase di riordino un prezioso fondo privato di notevole valore storico artistico: l’archivio del Prof. Arch. Salvatore Cardella (Caltanissetta 24/06/1896 – Palermo...