Piazza Stazione Lolli

Autore:

Categoria:

Samu miniatura_1

La piazza Stazione Lolli (o piazza Lolli) si trova tra le vie Dante, Segesta, Selinunte e Marconi.

La stazione, adesso non più funzionante, era la seconda stazione della città sul tragitto ferroviario che da Palermo portava a Trapani. Il nome della stazione era lo stesso della più vicina strada principale, l’odierna via Dante, che fino al 1910 era appunto chiamata via Lolli.

Sull’origine di tale nome vi sono diverse ipotesi. La prima attribuisce il nome della contrada ad una rinomata famiglia di banditi palermitani, che anticamente era solita operare in questa zona, tanto da farle dare il nome di “Contrada dei Lolli”. Questa ipotesi è plausibile, in quanto molti documenti storici attestano la pericolosità di questa zona nei tempi passati, con banditi e malfattori che ne infestavano ogni parte. L’altra ipotesi, altrettanto plausibile, attribuirebbe il nome al violinista Antonio Lolli, nato a Bergamo nel 1730 e morto proprio a Palermo nel 1802. Lolli era un musicista molto famoso e rinomato, tanto da ricevere un preziosissimo violino in avorio, donatogli dalla regina Caterina II di Russia, sul quale era inciso “A Lolli – Caterina II Russiarum Imperatrix fecit et dedit”. Gli ultimi anni di vita del violinista, vissuti nel capoluogo siciliano, rafforzano l’ipotesi che il nome del luogo potrebbe essere un omaggio alla sua persona, benché sia riportato senza il nome di battesimo.

[mappress mapid=”108″]

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,827FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

L’Ammiraglio Gravina, il palermitano che affascinò Napoleone

Tra i personaggi illustri della nostra città, merita senza dubbio una menzione Federico Carlo Gravina, principe di Montevago, palermitano di nobili origini che fece...

Borghi dei Tesori. Nasce il network di 42 piccoli comuni siciliani sotto l’egida delle Vie dei Tesori

PALERMO. Dai siti archeologici alle fortezze saracene, dalle miniere abbandonate alle concerie fantasma, dai castelli aggrappati al cielo agli acquedotti seminterrati, dagli ipogei ai...

Ma quanto è buono il pane a Palermo!?

Il pane è buono dappertutto, e in ogni luogo ha la sua forma, il suo sapore, la sua tradizione. Come non ricordare il famoso...

Un anno di Covid

Esattamente un anno fa, il 25 febbraio 2020, abbiamo avuto in Sicilia il primo caso di coronavirus, una turista bergamasca in visita a...

Le Catacombe dei Cappuccini

Chi visita il cimitero sotterraneo dei Cappuccini si appresta a compiere un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, certo, ma soprattutto in...

Pasta al ragù siciliano

Quando ero bambina uno degli odori che mi svegliava nelle fredde domeniche d’inverno era quello del “ragù siciliano”. Mamma si alzava alle sei del mattino...