Samuele Schirò firma 2

La via Santa Spina va dalla piazzetta omonima al vicolo Santa Rosalia.

Prende il nome dalla non più esistente chiesa della Santa Spina, costruita nel 1707 dalla maestranza degli “stazzonari”, ovvero i fabbricanti di vasi e di altri oggetti in argilla.
Questa chiesa conservava la Santa Spina, una reliquia della corona di spine di Gesù crocifisso. Questa era arrivata a Palermo nel 1219 portata da S. Angelo Carmelitano, che l’aveva ottenuta durante uno dei suoi viaggi. All’estinzione della compagnia dei “mastri stazzunara”, la chiesa cadde in un profondo stato di abbandono e la preziosa reliquia venne spostata nella chiesa del Carmine Maggiore, dove ancora oggi è conservata.
Nella seconda metà del XIX secolo la chiesa fu riaperta sotto il nome dell’Addolorata, dove una confraternita composta da gente varia riprese il culto.
Intorno al 1930, con la demolizione del quartiere circostante ed il risanamento della zona, la chiesa andò definitivamente distrutta, insieme ad altre importanti strutture nei dintorni.

[mappress mapid=”401″]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.