Cosa vedere a Palermo. Percorsi per scoprire la città: il cuore del centro storico

Percorsi e suggerimenti per scoprire la città

Autore:

Categoria:

13,528FansLike
478FollowersSegui
576FollowersSegui

Se avete deciso di visitare la Sicilia, una destinazione assolutamente da non perdere è il suo capoluogo: Palermo, perla indiscussa di questa bellissima isola. Luogo perfetto per trascorrere anche un solo weekend di 2 o meglio 3 giorni, soprattutto perché il centro storico della città può essere facilmente visitato a piedi!

Palermo è una città meravigliosa, ricca di storia, culture, monumenti, chiese, sontuosi palazzi storici. Una città che testimonia il suo glorioso passato attraverso le sue meravigliose opere d’arte, una città che possiede un patrimonio artistico e architettonico inestimabile e invidiabile.
Fenici, greci, romani, arabi, normanni, spagnoli, hanno lasciato le loro tracce a Palermo, regalando a questa città bellezze che troveremo messe insieme in pochissime altre città del mondo, un connubio perfetto di stili, un tripudio d’arte che spesso vi lascerà a bocca aperta.

Cominciamo il nostro tour da quello che è considerato il baricentro della città storica di Palermo

Piazza Villena ovvero i Quattro canti di città

Quattro Canti di città – Piazza Vigliena

Piazza Villena (o Vigliena) meglio conosciuta come “I quattro Canti di città” o “Il Teatro del Sole” si trova all’incrocio tra via Maqueda e Corso Vittorio Emanuele, anticamente conosciuto con il nome di Cassaro, la via più antica della città, che collegava la zona del porto con la necropoli, situata appena fuori dalle mura della città antica.
Con gli arabi, divenne l’asse della struttura urbanistica cittadina che collegava il Palazzo Reale con la Porta di mare. La forma della piazza è un ottagono situato al centro della Palermo antica, formato dall’alternanza di strade e quinte architettoniche, che funge da punto di incontro tra i quattro quartieri principali dell’epoca, ovvero la Kalsa, La Loggia,  il Capo e l’Albergheria.
Per saperne di più…

Piazza e Fontana Pretoria

Fontana Pretoria vista da Palazzo delle Aquile

Poco distante da Piazza Villena troviamo Piazza Pretoria, comunemente chiamata “Piazza della Vergogna” per la nudità delle statue che compongono la bellissima fontana, scolpita tutta in marmo bianco di Carrara per opera dello scultore Francesco Camilliani che la realizzò a Firenze nel 1554 e successivamente acquistata dalla città di Palermo. Mirabile esempio di Rinascimento toscano, una delle più belle fontane d’Italia. Chiunque ci passi non può fare a meno di meravigliarsi per l’armonia delle parti da cui è composta.
Per saperne di più…

Chiesa di Santa Caterina

La scalinata della chiesa di Santa Caterina

Sullo sfondo si può vedere la Chiesa di Santa Caterina, una delle chiese più belle di Palermo, uno degli esempi più imponenti, esuberanti e sensuali del barocco palermitano, che conserva al suo interno la più vasta decorazione in marmi policromi della città. La chiesa presenta due ingressi: uno si apre appunto su piazza Pretoria, il principale nella facciata meridionale prospiciente l’antico piano di San Cataldo, l’odierna piazza Bellini. Entrambi hanno una bellissima scalinata a doppia rampa con balaustre in pietra che consente l’accesso dal piano della piazza alla chiesa.
Per saperne di più…

Palazzo delle Aquile

Piazza Pretoria o della Vergogna

Lateralmente alla piazza, il quattrocentesco Palazzo Senatorio, chiamato anche Palazzo Pretorio o Palazzo delle Aquile, sede del Comune. Il palazzo è ricco di numerose opere d’arte, quadri e sculture di artisti siciliani della fine del sec. XIX e dei primi del XX.
Al  piano  nobile,  si trovano i saloni di rappresentanza: la Sala dei Bassorilievi; la Sala degli Stemmi; la “Sala Rossa”,  dove si trova  lo studio del sindaco; la “Sala Gialla”, dove si riunisce la Giunta Comunale; la “Sala delle Lapidi” dove si riunisce il Consiglio Comunale.
Per saperne di più…

Chiesa di san Giuseppe dei Teatini

La cupola della chiesa di San Giuseppe dei Teatini

Dall’altra parte della strada a cui si accede da una bellissima scalinata, troveremo la chiesa di San Giuseppe dei Teatini, uno degli esempi più belli e suggestivi del primo barocco siciliano.
Un vero scrigno di tesori, riccamente adornato da un ininterrotto manto di decorazione a intarsi marmorei policromi che creano un effetto di particolare fasto ed eleganza. L’edificio religioso presenta un incredibile numero di opere d’arte di notevole valore artistico, realizzati tra il XVII e il XVIII secolo. La grandiosa e monumentale mole della chiesa dei teatini occupa una larga area del tessuto urbano, in una posizione felicissima, con i prospetti sulle due arterie principali della città.
Alla Chiesa vi si accede infatti, anche da Corso Vittorio Emanuele, l’antico Cassaro.
Per saperne di più…

La Chiesa della Martorana

I mosaici della chiesa bizantina “della Martorana”

Andando un po’ più avanti, direzione Stazione Centrale, a Piazza Bellini, un immancabile tappa di ogni itinerario, la Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio, nota anche come “Ciesa della Martorana“.
La Chiesa, considerata una delle meraviglie di Palermo,  fa parte del percorso arabo-normanno di Palermo insieme alle cattedrali di Monreale e Cefalù
Un vero gioiello dell’arte bizantina, un trionfo di mosaici e decorazioni, l’apparato musivo interno, tra i più antichi in Sicilia, fu portato a compimento da maestranze bizantine prima del 1151, uno dei più grandi capolavori dell’architettura arabo-normanna siciliana.
Per saperne di più…

La Chiesa di San Cataldo

La chiesa normanna di San Cataldo

Sempre nella stessa Piazza troviamo la Chiesa di San Cataldo, un piccolo capolavoro architettonico, opera di maestranze islamiche che la edificarono secondo criteri romanico-occidentali. L’impressione che il visitatore riceve, entrando in questa chiesa, è quella di un calmo stupore; nella penombra delle navate si respira un’atmosfera suggestiva data dalla luce morbida e sapientemente orientata che proviene dalle aperture arcuate poste sulle pareti delle cupole, che illuminano la chiesa in un gioco di luce che le conferisce solennità e mistero.
Per saperne di più…

Il mercato storico di Ballarò

Mercato storico di Ballarò, con le sue bancarelle e le classiche tende che le ricoprono.

Concludiamo il nostro itinerario di un giorno, visitando lo storico mercato di Ballarò che troverete continuando a percorrere la via Maqueda, tappa obbligatoria per chi vuole conoscere l’anima verace di Palermo. Questo antico mercato risalente all’epoca della dominazione araba è un vero spettacolo di colori, di suoni, qui troverete tantissime bancarelle di spezie, frutta e verdura, ortaggi, pesce, ma anche il famoso cibo di strada, panelle, milza crocchè, fritture miste, un luogo allegro, dove tra le “abbanniate” ci si sente spettatori di un grande spettacolo all’aperto. Il mercato di Ballarò si snoda su più vie, tutte lastricate di balate spesso sconnesse e sempre bagnate, nel suo centro la Chiesa del Carmine con la cupola più bella di Palermo
Per saperne di più…

La Chiesa del Carmine

Cupola della Chiesa del Carmine
La meravigliosa cupola della Chiesa della Madonna del Carmine

La Chiesa del Carmine è una delle chiese più belle del centro storico di Palermo, la cui facciata domina il mercato di Ballarò. Vi si accede dall’omonima piazza, ed è curioso dovere incunearsi tra le tende e le bancarelle per raggiungere l’ingresso. 
La Chiesa del Carmine è un tesoro di arte e d’architettura e custodisce capolavori del Serpotta e del Gagini.
La scenografica cupola barocca è la chicca di questo complesso architettonico: con la sua eleganza e maestosità domina la zona circostante e, con i gialli, azzurri e verdi della maiolica di cui è rivestita ricorda i colori della Sicilia.
Per saperne di più…

Serafina Stanzione

Percorsi per scoprire la città: parte seconda

Turista a Palermo? Ecco i luoghi che devi assolutamente vedere

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Serafina Stanzione
Staff member. Redattrice, responsabile e curatrice della sezione dedicata agli Eventi a Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

La storia della manna in Sicilia

La storia della manna in Sicilia ha radici molto antiche, risalgono probabilmente agli arabi che importarono nella "terra del sole" i frassini da manna,...

Villa Trabia

Com'è abbastanza noto, sin dal XVII secolo presso l'aristocrazia siciliana, che possedeva già sontuosi palazzi a Palermo, si era affermata la consuetudine di costruire...

Bonus cultura: una guida per aiutare i diciottenni a capire come utilizzarlo

Come usare il bonus Cultura 18app? È un'iniziativa del Ministero per i giovani ed è dedicata a promuovere la cultura! Se sei nato nel 2002 e...

Chiesa del Carmine: dentro il cuore di Ballarò

Quante volte, da ragazzo, sono passato davanti al portone della chiesa del Carmine senza accorgermi della sua esistenza? Gli anni della prima adolescenza, quando...

L’urna con le ossa di Santa Rosalia

Fra qualche giorno ricorrerà il 397° festino della nostra amatissima patrona Santa Rosalia, ma anche quest’anno ci toccherà rinunciare alla sfilata del carro trionfale...

Rosalia Sinibaldi “la Santuzza”, Signora di Palermo

Rosalia Sinibaldi non è soltanto un’immagine ritratta in uno dei quadri presenti all’interno della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, né una rappresentazione lapidea che...