Samuele Schirò firma 2

Già stella affermata nel panorama musicale italiano, Carmen Consoli è un’artista che non ha certo bisogno di presentazioni, una cantautrice che da quasi vent’anni calca i palcoscenici di tutta Italia raccogliendo il consenso di un pubblico eterogeneo, nonché degli addetti ai lavori.
Ma oltre ad una musicalità ricercata e a dei testi mai banali, la “Cantantessa” nasconde degli aspetti che si rivelano solo ai suoi veri conoscitori e che confermano l’assoluta poliedricità del personaggio. Uno di questi è senza dubbio lo spirito siciliano della Consoli, catanese DOC, che non tralascia occasione per esprimersi in riflessioni, musica e parole che rendano omaggio a questa meravigliosa terra e che ne descrivano le bellezze, ma anche i problemi. È in queste occasioni che anche la voce dell’artista, notoriamente sottile e vellutata, è in grado di trasformarsi in un vero e proprio grido, così come usavano fare altri grandi maestre siciliane come Rosa Balistreri. Ed è proprio della Balistreri che in Carmen Consoli si può individuare un’erede, con la sua grande interpretazione di classiche canzoni siciliane e la composizione di nuovi pezzi che raccontano la nostra terra.
In questa occasione proponiamo il brano “A finestra”, una tranche de vie siciliana in cui i personaggi rivelano attitudini e vizi del nostro popolo, richiamando anche l’attenzione sulla nostra storia millenaria e la nostra cultura unica.

Samuele Schirò

 

Carmen Consoli – “A Finestra”

Sugnu sempri alla finestra e viru genti ca furria pà strada
Genti bedda, laria, allegra, mutriusa e siddiata
Genti arripudduta cu la cigghia isata e a vucca stritta
“Turi ho voglia di quaccosa, un passabocca, un lemonsoda”.”
Iddu ci arrispunni: “Giusi, quannu ti chiamavi Giuseppina,
eri licca pà broscia cà granita”.”
“Turi tu n’ha fattu strada e ora che sei grosso imprenditori
t’ha ‘nsignari a classi ‘ntò parrari”.

Sugnu sempre alla finestra e viru genti spacinnata,
sduvacata ‘nte panchini di la piazza, astuta e adduma a sigaretta,
gente ca s’ancontra e dici “ciao” cu na taliata,
genti ca s’allasca, genti ca s’abbrazza e poi si vasa,
genti ca si va stringennu a cinghia, si strapazza e non si pinna,
annunca st’autru ‘nvernu non si canta missa,
genti ca si va ‘lliccannu a sarda,
ma ci fa truvari a tavula cunzata a cu cumanna.

“Chi ci aviti di taliari, ‘un aviti autru a cui pinsari
almeno un pocu di chiffari”.
“Itavinni a travagghiari” vannia ‘n vecchiu indispettitu,
“avemu u picciu arreri o vitru”.
Jù ci dicu “m’ha scusari, chista è la me casa e staju unni mi pare”.

La domenica mattina dagli altoparlanti della chiesa
a vuci ‘i Patri Coppola n’antrona i casi, trasi dintra l’ossa
piccaturi rinunciati a ddi piccati di la carni
quannu u riavulu s’affaccia rafforzatevi a mutanna.
Quannu attagghiu di la chiesa si posteggia un machinone
scinni Saro Branchia detto Re Leone
Patri Coppola balbetta e ammogghia l’omelia cu tri paroli
perché sua Maestà s’ha fari a comunioni.

“Chi ci aviti di taliari, ‘un aviti autru a cui pinsari
almeno un pocu di chiffari”.
“Itavinni un pocu a mari”, vannia un vecchiu tintu
“accussì janca mi pariti ‘n spiddu””
Jù ci dicu “m’ha scusari,
picchì hati a stari ccà sutta a me casa pà ‘nsultari”.

Sugnu sempri alla finestra e viru a ranni civiltà
ca ha statu, unni Turchi, Ebrei e Cristiani si stringeunu la manu,
tannu si pinsava ca“”La diversità è ricchezza”,”
tempi di biddizza e di puisia, d’amuri e di saggezza.
N’zoccu ha statu aieri, oggi forsi ca putissi riturnari
si truvamu semi boni di chiantari.
‘Nta sta terra ‘i focu e mari oggi sentu ca mi parra u cori
e dici ca li cosi stannu pì canciari

“Chi ci aviti di taliari ‘un aviti autru a cui pinsari,
almeno un poco di chiffari”.
“Itavinni a ballari, ittati quattru sauti e nisciti giustu pì sbariari”.
Jù ci dicu “Cù piaciri, c’è qualchi danza streusa ca vuliti cunsigghiari?”.”

 

Foto: Fanart.tv

5 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.