Via Buon Pastore

Autore:

Categoria:

Samu miniatura_1

La via Buon Pastore va dalla via S. Alessandro alla via degli Spersi.

Prende il nome dal vicino Conservatorio di Musica precedentemente chiamato “del Buon Pastore” o “degli Spersi”. Questa istituzione aveva il compito di raccogliere per le strade i fanciulli orfani e abbandonati al fine di dare loro alloggio ed istruzione. L’opera pia fu fondata nel 1565 da S. Dionigi Aeropagita e ripresa nel 1617 dal viceré Francesco de Castro che le assegnò come sede la casa della confraternita della SS. Annunziata, presso Porta S. Giorgio. Il conservatorio “dei fanciulli dispersi”, fu chiamato del Buon Pastore per via della lettura occorsa nel Vangelo del 3 giugno 1618, la data dell’inaugurazione dell’istituto, che come scopo aveva quello di procurare un “ovile” alle piccole pecorelle smarrite della città.
I bambini che frequentavano tale collegio erano detti anche “Spersi turchini”, dal colore dei loro abiti che li distingueva dagli “Spersi bianchi” del collegio di S. Rocco.
Tra i vari insegnamenti impartiti vi era anche il canto, che con il tempo finì con l’assumere un ruolo di eccellenza all’interno delle lezioni e con il tempo divenne l’attività principale. Nella metà del XVIII secolo una bolla pontificia sancì il passaggio dell’istituto da Conservatorio a Collegio di musica strumentale e vocale. Agli inizi del ‘900 il maestro Guglielmo Zuelli, che dirigeva l’istituto, decise l’intitolazione al compositore catanese Vincenzo Bellini.

[mappress mapid=”361″]

Articoli correlati

Via Cavour

Via Squarcialupo

Piazza XIII Vittime

Piazza S. Giorgio dei Genovesi

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

12,815FansLike
478FollowersSegui
567FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Borghi dei Tesori. Nasce il network di 42 piccoli comuni siciliani sotto l’egida delle Vie dei Tesori

PALERMO. Dai siti archeologici alle fortezze saracene, dalle miniere abbandonate alle concerie fantasma, dai castelli aggrappati al cielo agli acquedotti seminterrati, dagli ipogei ai...

Ma quanto è buono il pane a Palermo!?

Il pane è buono dappertutto, e in ogni luogo ha la sua forma, il suo sapore, la sua tradizione. Come non ricordare il famoso...

Un anno di Covid

Esattamente un anno fa, il 25 febbraio 2020, abbiamo avuto in Sicilia il primo caso di coronavirus, una turista bergamasca in visita a...

Le Catacombe dei Cappuccini

Chi visita il cimitero sotterraneo dei Cappuccini si appresta a compiere un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, certo, ma soprattutto in...

Pasta al ragù siciliano

Quando ero bambina uno degli odori che mi svegliava nelle fredde domeniche d’inverno era quello del “ragù siciliano”. Mamma si alzava alle sei del mattino...

La Sicilia torna in zona gialla

Da lunedì mattina la Sicilia sarà zona gialla. Nessuna deroga per domenica di San Valentino come chiedeva il governatore Musumeci. Il cambiamento rispetto alla...