Viale della Libertà

Il viale della Libertà (o semplicemente via Libertà) va dalle piazze Ruggero Settimo e Castelnuovo alla piazza Vittorio Veneto. Questo magnifico viale, lungo 2 chilometri e mezzo e fiancheggiato da platani, fu costruito nel 1848

Autore:

Categoria:

Il viale della Libertà (o semplicemente via Libertà) va dalle piazze Ruggero Settimo e Castelnuovo alla piazza Vittorio Veneto.

Questo magnifico viale, lungo 2 chilometri e mezzo e fiancheggiato da platani, fu costruito nel 1848. In quell’anno, infatti, il governo provvisorio instauratosi dopo la prima cacciata dei Borbone decise la costruzione di una strada che collegasse il piano di S. Oliva alla piana dei Colli, dove si trovavano molte ville nobiliari. Proprio per via della decadenza del governo borbonico, a questa nuova strada fu dato il nome di “Strada della Libertà”.
I lavori di costruzione iniziarono subito, tracciando il primo tratto di strada (fino all’attuale piazza Crispi) attraverso i poderi di Ernesto Wilding, principe di Radaly, che nel 1844 aveva acquistato il cosiddetto “Firriatu di Villafranca”. Dopo la restaurazione borbonica del 1849, i lavori furono proseguiti per volere del principe di Satriano, luogotenente del re, che volle adornare la città e dare lavoro alla popolazione. In questa occasione la denominazione fu mutata in strada della Favorita, data la volontà di collegare la via con il grande parco cittadino.
Il nome originale fu ristabilito dopo il 1860, data in cui vi fu una prima importante interruzione dei lavori, che ripresero soltanto nel 1879, con l’apertura dell’ultimo tratto. Nel 1890 iniziò l’opera di costruzione dell’attuale piazza Vittorio Veneto, che doveva chiudere solennemente il tratto di strada.
La via della Libertà, insieme alla “statua” che porta lo stesso nome, furono solennemente inaugurate nel 1910, in occasione del 50° anniversario dell’unità d’Italia.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rimani aggiornato con la cultura...

10,988FansLike
478FollowersSegui
553FollowersSegui
Samuele Schirò
Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Torna a Palermo “Le vie dei tesori”. Tutti i luoghi aperti alle visite

Le Vie dei Tesori è tra i più grandi Festival italiani dedicati alla valorizzazione del patrimonio culturale, monumentale e artistico delle città di Palermo ma anche della Sicilia.

Nuova ordinanza di Musumeci i nuovi obblighi

28 settembre 2020 1) Uso obbligatorio delle mascherine quando si è tra estranei 2) registrazione e tamponi rapidi per chi proviene dall'estero 3) controlli periodici sul personale...

Villa Sofia Whitaker

Villa Sofia Whitaker (meglio nota semplicemente come Villa Sofia), è molto conosciuta a Palermo per via dell'ospedale che vi fu impiantato nella seconda metà...

Divieto di panificazione in Sicilia la prima e la terza domenica del mese

Dal 1° Ottobre 2020 al 15 Giugno 2021 ripristinato il divieto di panificazione nella prima e terza Domenica di ogni mese. Il decreto emanato dall’Assessorato...

Mascherine si o no a scuola? Ecco i chiarimenti dell’assessore Lagalla

Covid 19, niente mascherine in aula per gli studenti. In riferimento alla recente Ordinanza del Presidente della Regione Musumeci, in vigore da mercoledì 30 settembre...

Chi erano le Tredici Vittime di Palermo?

A Palermo esiste un noto slargo posto alla fine dell’odierna via Cavour che porta il nome di Piazza XIII Vittime. Qui c’è un obelisco...