Viale della Libertà

Il viale della Libertà (o semplicemente via Libertà) va dalle piazze Ruggero Settimo e Castelnuovo alla piazza Vittorio Veneto. Questo magnifico viale, lungo 2 chilometri e mezzo e fiancheggiato da platani, fu costruito nel 1848

Autore:

Categoria:

13,528FansLike
478FollowersSegui
576FollowersSegui

Il viale della Libertà (o semplicemente via Libertà) va dalle piazze Ruggero Settimo e Castelnuovo alla piazza Vittorio Veneto.

Questo magnifico viale, lungo 2 chilometri e mezzo e fiancheggiato da platani, fu costruito nel 1848. In quell’anno, infatti, il governo provvisorio instauratosi dopo la prima cacciata dei Borbone decise la costruzione di una strada che collegasse il piano di S. Oliva alla piana dei Colli, dove si trovavano molte ville nobiliari. Proprio per via della decadenza del governo borbonico, a questa nuova strada fu dato il nome di “Strada della Libertà”.
I lavori di costruzione iniziarono subito, tracciando il primo tratto di strada (fino all’attuale piazza Crispi) attraverso i poderi di Ernesto Wilding, principe di Radaly, che nel 1844 aveva acquistato il cosiddetto “Firriatu di Villafranca”. Dopo la restaurazione borbonica del 1849, i lavori furono proseguiti per volere del principe di Satriano, luogotenente del re, che volle adornare la città e dare lavoro alla popolazione. In questa occasione la denominazione fu mutata in strada della Favorita, data la volontà di collegare la via con il grande parco cittadino.
Il nome originale fu ristabilito dopo il 1860, data in cui vi fu una prima importante interruzione dei lavori, che ripresero soltanto nel 1879, con l’apertura dell’ultimo tratto. Nel 1890 iniziò l’opera di costruzione dell’attuale piazza Vittorio Veneto, che doveva chiudere solennemente il tratto di strada.
La via della Libertà, insieme alla “statua” che porta lo stesso nome, furono solennemente inaugurate nel 1910, in occasione del 50° anniversario dell’unità d’Italia.

Ti è piaciuto? Condividilo con gli amici!

Rimani aggiornato su Telegram

Samuele Schirò
Direttore responsabile, redattore e fotografo di Palermoviva. Amo Palermo per la sua storia e cultura millenaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare anche...

Come è nato il Parco della Favorita?

Tutti conosciamo il Parco della Favorita come il polmone di Palermo, un’oasi in cui l’urbanizzazione selvaggia non è mai riuscita a prendere il sopravvento....

Palermo e la lotta contro il caldo: storia e curiosità!

Quando c'è caldo a Palermo qualcuno sbuffa (sciuscia). Non è un problema nuovo, anzi è antichissimo! Ed una volta i mezzi per contrastarlo non...

La storia della manna in Sicilia

La storia della manna in Sicilia ha radici molto antiche, risalgono probabilmente agli arabi che importarono nella "terra del sole" i frassini da manna,...

Bollettino delle Ondate di calore

Per potere affrontare un'estate serena e in salute.

La Chiesa dei Naufragati e il Serraglio di Palermo

Nella nostra visione “moderna”, i nomi di alcuni luoghi di Palermo suonano piuttosto curiosi, come ad esempio quello della chiesa che si trova lungo...

Villa Trabia

Com'è abbastanza noto, sin dal XVII secolo presso l'aristocrazia siciliana, che possedeva già sontuosi palazzi a Palermo, si era affermata la consuetudine di costruire...