20 GIORNI GRATIS ALL’ANNO IN SITI E MUSEI, DECRETO PUBBLICATO IN GAZZETTA
“I giorni di gratuità nei musei e nei siti archeologici del Mibac aumentano da 12 a 20 per ogni anno solare”.
Lo ricorda il ministro Bonisoli annunciando la pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale. “Il decreto è entrato in vigore il  28 febbraio, prevede la conservazione delle prime domeniche di ogni mese da ottobre a marzo, una settimana di ingressi gratuiti che cambierà ogni anno.

Ogni prima domenica del mese potremo visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato gratuitamente, senza alcun costo di biglietto d’ingresso!

Bonisoli aggiunge: “Il decreto, come da regolamento già in vigore, conserva le gratuità per tutti i minorenni e per alcune tipologie di studenti e docenti, oltre che per categorie già protette in passato come i portatori di handicap. Inoltre, a meno che non si sia in possesso del requisito per la gratuità, riduce ulteriormente il biglietto ai giovani dai 18 ai 25 anni che pagheranno sempre e soltanto due euro”.

Una bellissima occasione per fare i turisti nella nostra città senza pagare nulla, l’arte alla portata di tutti, anche di chi non può permetterselo.

Anche a Palermo quindi, alcuni musei e siti archeologici di provincia saranno aperti al pubblico gratuitamente
Ecco l’elenco fornito dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Le date dei musei gratis la prima domenica del mese nel 2019

logo ministero

  • 6 gennaio 2019
  • 3 febbraio 2019
  • 7 aprile 2019
  • 5 maggio 2019
  • 2 giugno 2019
  • 7 luglio 2019
  • 4 agosto 2019
  • 1 settembre 2019
  • 6 ottobre 2019
  • 3 novembre 2019
  • 1 dicembre 2019

Prossimo appuntamento

Domenica 6 ottobre 2019

Questi i luoghi visitabili a Palermo e provincia 

N.B. Per possibili variazioni di orari o chiusure dell’ultimo momento di qualche sito sotto elencato, è preferibile verificarne l’apertura telefonicamente

Palermo: in città la Galleria di Palazzo Abatellis, il Museo di Palazzo Mirto, il Museo archeologico Antonino Salinas (mostre temporanee), San Giovanni degli Eremiti, Castello della Cuba, Il Castello a mare, il Museo di arte contemporanea di Palazzo Belmonte Riso, la Real Casina alla Cinese, l’Oratorio dei Bianchi…

In provincia il Chiostro di Santa Maria La Nuova a Monreale, l’Area archeologica e l’antiquarium di Solunto, l’Area archeologica Monte Iato, il Parco Archeologico di Imera, il Castello medievale di Caccamo e il Museo Regionale di Terrasini.


Oratorio dei BianchiOratorio dei Bianchi
Piazzetta dei Bianchi
Tel.: Telefono 0916173080

Sempre gratuito e chiuso il lunedì

 


Museo Riso – Museo d’Arte contemporanea
Corso Vittorio Emanuele – Palermo
Tel. : 091 320532
Spazio espositivo ”Cappella dell’Incoronazione” 

 


 

Area archeologica monumentale di Castello a Mare
Via Crispi – Palermo
Tel: +39 0916116807

 


Necropoli punica
Corso Calatafimi, 100
Tel:  371 223 489

Sempre gratuito

 


Chiostro di San Giovanni degli Eremiti
Via dei Benedettini 20
Tel. : 0917071425 – 0916515019

 

 


Galleria regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis
Via Alloro 4
Tel. : 0916230011
Dal 14 dicembre-10 febbraio 2019 – 
a pagamento in quanto ospita la Mostra di ”Antonello da Messina” 

L’ingresso gratuito è momentaneamente sospeso


 

Museo archeologico regionale
Antonino Salinas
Via Bara all’Olivella 24

 

 


Villino Florio e Giardino
Via Regina Margherita
Tel.: 0917025471 – 0917071425Tel. : 0916116807 – 0916116806

                                       Sempre gratuito


Palazzina Cinese
Via Duca degli Abruzzi 1 Palermo
Tel. : 091 7071402 091
7071425 335 7957161 – 338 697 37 91

Sempre gratuito


 

Museo regionale Palazzo Mirto
Via Merlo 2
Tel. : e fax 0916164751; tel 0916167541

 


Palazzo Ajutamicristo
Via Garibaldi, 41
Tel.: 0917071425 – 0917071411

 

 


Chiostro Santa Maria la Nuova di Monreale (Duomo)
e monastero dei benedettini
Piazza Guglielmo il Buono (Monreale)
Tel. : 091 7071425 – 0916404403

 


Area archeologica Monte Jato
Contrada Perciata – San Cipirello
Tel. : 091 8577943

 

 


Area archeologica e Antiquarium di Solunto
Via Collegio Romano – Santa Flavia
Tel.  : 3387845140

 

 


Area archeologica e Antiquarium di Himera
Contrada Buonfornello – Termini Imerese
Tel. : 0918140128

 

 


Museo regionaleLungomare Peppino Impastato
Terrasini
Tel. : Centralino 091.8810989
Personale di custodia 091.8683327

 

Fonte: Ministero dei Beni Culturali 

Regione Sicilia

Per indirizzi e numeri telefonici di altri musei clicca quì

Gli altri siti visitabili in Sicilia

Agrigento:
Museo Archeologico, Parco Archeologico della Valle dei Templi, Area archeologica e Antiquarium di Eraclea Minoa

Caltanissetta:
Museo interdisciplinare di Caltanissetta

Catania:
in città la Chiesa di San Francesco Borgia, in provincia il Museo della Ceramica di Caltagirone e le Mura di Adrano

Enna:
Museo archeologico, Villa Romana del Casale a Piazza Armerina, Area archeologica di Morgantina, Museo di Aidone

Messina:
Museo di Messina, Teatro Antico di Taormina e Teatro Antico di Tindari, Museo archeologico e Area archeologica di Naxos, Museo archeologico Bernabò Brea a Lipari, aree archeologiche di Acquedolci, Milazzo, Capo d’Orlando, Patti e Halaesa

Ragusa:
a Ispica l’area archeologica del Parco Forza, e a Modica l’area archeologica di Cava d’Ispica

Siracusa:
in città l’Area archeologica della Neapolis, il Museo archeologico Paolo Orsi, la Galleria di Palazzo Bellomo. In provincia la Villa del Tellaro a Noto, a Palazzolo Acreide la Casa Museo Antonino Uccello, l’area archeologica di Akrai e il Museo archeologico di Palazzo Cappellani.

Trapani:
il Museo “Agostino Pepoli” a Trapani, il Parco archeologico di Segesta, a Marsala il Museo Archeologico Regionale “Lilibeo” e la contigua Area archeologica di Capo Boeo, il Parco archeologico di Selinunte, il Museo del Satiro a Mazara del Vallo, il Castello Grifeo a Partanna e la Tonnara Florio a Favignana.

A causa della possibilità di eventuali imprevisti, si invita comunque a verificare, consultando le pagine dei singoli musei.

Fonte: Dipartimento dei Beni culturali e dell’Identità siciliana



11 COMMENTI

  1. Oggi 3 febbraio 2019, area archeologica di Solunto chiusa, come già da tempo ormai. Ho telefonato per averne conferma.

  2. Io penso che X i cittadini e utile logico coerente è obbligatorio conoscere i luoghi di cultura appartenenti al proprio territorio e quindi divrebbero essere sempre gratis cambia aspetto x i turisti

    • Il problema è che palazzo mirto chiuso palazzo abatellis chiuso e turisti che guardano sconsolati.complimenti a chi si occupa della cultura a palermo…saranno tutti impegnati per le elezioni i signori

      • E’ sempre preferibile verificarne l’apertura telefonicamente, i siti resteranno aperti dalle 9,00 alle 13,00 circa, non sono visitabili nel pomeriggio

  3. Sono andato nel sito internet dei beni culturali e la Regione Sicilia non aderisce all’iniziativa,dato che non compare nella lista,questo fa intendere.

    • Tranne problemi interni di gestione, i musei regionali indicati sono aperti gratuitamente la prima domenica del mese. Prima della visita comunque è consigliato chiamare

  4. Devo dire che le notizie che date sono estremamente fondate e di sicura qualità dato che praticamente nessun museo oggi è aperto. Ottimo.

    • Caro Andrea,
      è possibile che qualche museo abbia chiuso temporaneamente i battenti per via delle ferie estive, tuttavia la maggior parte dei monumenti gestiti dalla Regione Siciliana sono stati aperti e fruibili gratuitamente, tanto che alcuni membri del nostro staff hanno approfittato dell’apertura domenicale per visitare diverse attrazioni in tutta la Sicilia.
      Non siamo responsabili di eventuali chiusure non programmate, dato che non sempre le modifiche al calendario ci vengono comunicate, tuttavia facciamo del nostro meglio per fornire ai cittadini un servizio completo ed attendibile in ogni occasione.

      • Un commento sulle chiusure estive soltanto: mi sembra penalizzante nei confronti dell’arte e del territorio non rendere fruibili tali servizi proprio nel periodo più frequentato dai turisti, dovremmo pensare di prendere delle ferie invernali piuttosto!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.